Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

taranto-lanciano32Non basta ai rossoblu la prima rete in casacca jonica di Ferraro, realizzata  in apertura di gara (all’8′ per la precisione), per conquistare i tre punti. La reazione del Lanciano, infatti, è giunta  al 38′ grazie alla bordata di Moi, che ha permesso ai suoi di agguantare il pareggio. Nella ripresa il canovaccio della gara ha visto i ragazzi di Passiatore in costante proiezione offensiva, ma sono stati i frentani a sfiorare in contropiede la marcatura  in più di una circostanza. Da segnalare in chiusura d’incontro l’espulsione (per doppia ammonizione) del capitano tarantino Migliaccio, che ha lasciato i suoi in dieci uomini. Finisce 1-1  e probabilmente, alla luce delle occasioni prodotte nell’arco della gara, sono proprio gli abruzzesi ad avere qualcosa da recriminare. In classifica non cambia nulla per il Taranto, che resta ancora a 3 lunghezze dalla zona play out (nella foto, una fase della gara).

Schieramenti. Mister Passiatore conferma dieci undicesimi della formazione sconfitta domenica scorsa dal Portogruaro. L’unica eccezione è costituita da Imparato al posto dello squalificato Calori sull’out di destra in difesa. Confermato, invece, il modulo 4-4-2. Identico,  dall’altra parte, l’assetto tattico proposto dal tecnico Pagliari, che a centrocampo sceglie Amenta in sostituzione del brasiliano Sacilotto, appiedato dal giudice sportivo.

Cronaca. Il Lanciano tenta subito la via della rete: al 2′ la sassata dai 25 metri di Turchi viene respinta da Bremec,  mentre al 7′ è Sansone dal limite a scoccare un destro che termina oltre la traversa. Un minuto più tardi, però, il Taranto passa in vantaggio: Falconieri scossa dalla destra per l’incornata di Ferraro (appostato a centro area) che batte il portiere Aridità.  L’attaccante rossoblu, contestato dai propri supporters, non festeggia la prima marcatura realizzata con la casacca jonica. Di contro i sostenitori  tarantini “salutano” la rete con una bordata di fischi. Al 19′ i pugliesi sfiorano il raddoppio: Falconieri imbecca Di Roberto, che si ritrova tutto solo davanti all’estremo difensore avversario, ma si lascia ipnotizzare da quest’ultimo calciandogli sul corpo. La risposta dei frentani giunge al 23′ con la punizione “telefonata” di Moi, Bremec blocca senza difficoltà. Al 25′ l’arbitro Merlino annulla una rete di Cuneaz per fuorigioco di Ferraro. Timide le proteste dei tarantini per la mancata concessione della segnatura. Prima sostituzione per gli abruzzesi al 28′: l’infortunato Zeytulaev viene avvicendato da Improta. Al 38′ i rossoneri pervengo al pareggio grazie ad un siluro terra-aria di Moi da circa trenta metri. Nella circostanza il destro del difensore trova impreparato il portiere Bremec, che si lascia sorprendere. Magia di Rajcic al 42′: il croato con una giocata individuale supera tre avversari ritrovandosi solo davanti ad Aridità, ma banalizza la conclusione che viene deviata in corner dall’estremo frentano. In chiusura di tempo ci prova anche Di Roberto da fuori area: il suo mancino, però, risulta centrale e viene bloccato con facilità dall’estremo rossonero. La prima frazione non riserva altre emozioni. Ad inizio ripresa mister Pagliari effettua il secondo cambio: dentro Vastola per Turchi. Al 2′ il “tarantino” Cuneaz fionda un destro dal limite che sfila al lato. La risposta dei frentani non si lascia attendere: al 6′ il fendente di Sansone, deviato da un difensore rossoblu, sfiora il palo. Sul seguente angolo l’inzuccata ravvicinata di Colussi trova la prodigiosa deviazione di Bremec. Ultimo cambio in casa abruzzese al 13′: Aquilanti entra al posto dell’infortunato Amenta.  Allo stesso minuto i pugliesi creano un pericolo su punizione: Imparato batte lanciando in corridoio Falconieri, il quale ciabatta il diagonale che finisce a lato. Sostituzione in sequenza per i rossoblu: al 21′ Quadri subentra a Rajcic, al 26′ Corona prende il posto di Ferraro ed infine al 31′ Russo avvicenda Cuneaz. Dopo l’ultimo cambio, il Taranto muta anche modulo trasformandosi in uno spregiudicato 4-2-4. Immancabilmente si aprono gli spazi per il contropiede dei frentari, che dilapidano clamorosamente la rete al 39′: Sansone conclude a botta sicura, ma incontra la parata in tuffo di Bremec. Sul prosieguo dell’azione, invece, Vastola dalla destra scodella in mezzo per Improta che, da ottima posizione, tira maldestramente. Al 46′ gli jonici restano in dieci per l’espulsione di Migliaccio. Il capitano rossoblu (già ammonito) compie un fallo da ultimo uomo su Sansone lanciato a rete. Inevitabile il secondo giallo e la conseguente espulsione. Bremec al 46′ salva il risultato deviando il velenoso mancino di Improta. Al terzo minuto di recupero l’arbitro decreta la fine del match. Inevitabili i fischi e i cori di dileggio dei tifosi tarantini indirizzati ai propri “beniamini”.

TARANTO: Bremec; Imparato, Migliaccio, Prosperi, Colombini; Di Roberto, Giorgino, Rajcic (21′ st Quadri), Cuneaz (31′ st Russo); Falconieri, Ferraro (26′ st Corona). A disposizione: Barasso, Bolzan, Taulo, Triarico. All. Passiatore

LANCIANO: Aridità; Colombaretti, Moi, Antonioli, Mammarella; Turchi (1’st Vastola), Amenta (13′ st Aquilanti), Di Cecco, Zeytulaev (23′ pt Improta); Sansone, Colussi. A disposizione: Bellucci, Coppini, Oshadogan, Sinigaglia. All. Pagliari

Arbitro: Merlino di Udine

Marcatori: 8′ pt Ferraro (T), 38′ pt Moi (L)

Ammoniti: Prosperi, Migliaccio per il Taranto, Moi per il Lanciano.

Espulso: Migliaccio per il Taranto al 45′ del secondo tempo

Angoli: 3-7 per il Lanciano

Spettatori: 3.500 (di cui una sparuta rappresentanza di tifosi ospiti quantificabile in venti unità)

Note: osservato, prima del calcio d’inizio, un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime del disastro ferroviario in Val Venosta. 

Enrico Losito www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film