Connect with us
Sergio Mutolo

Pubblicato

il

Il Consiglio Federale del 16 luglio ha escluso venti club di Lega Pro, tra Prima e Seconda Divisione. In serie B è saltata l’Ancona (con Ascoli e Portogruaro ammessi all’ultimo tuffo). Si apre dunque la corsa al ripescaggio in cadetteria. In lizza la Triestina (retrocessa ai playout in Lega Pro) e l’Hellas Verona (sconfitto nella finale playoff del girone B di Prima Divisione per la promozione).

Sarà un testa a testa molto più combattuto di quanto si possa pensare. Anche se molti addetti ai lavori danno il posto già assegnato alla Triestina le cose non sono così scontate, almeno a nostro parere, perchè l’avversario da battere è tosto e il vantaggio non schiacciante.

L’Hellas, infatti, è squadra di grande blasone e con un enorme seguito di pubblico. Le regole federali sulla spinosa questione delle riammissioni, approvate nel Consiglio dell’8 giugno scorso, lasciano la questione ancora aperta.

Il riferimento normativo è rappresentato dal Comunicato ufficiale 124/A del 08/06/2010 (leggetelo QUI nella sua interezza, ndr), che prevede i tre criteri  in base a quali stilare la classifica delle aspiranti al rispescaggio in serie B: la classifica dell’ultimo campionato (valore 50%); la tradizione sportiva della città (valore 25%) e la media degli spettatori paganti dal 2004 al 2009 (valore 25%).

La classifica finale sarà determinata dalla somma dei punti ottenuti in ciascuna delle griglie stilate in conformità ai tre criteri, pesati percentualmente in rapporto al valore predeterminato. I punteggi derivanti dai tre criteri, eccetto il primo (in cui è nettamente in vantaggio la Triestina), sono in parte aleatori e lasciano spazio a conteggi complessi.

Resta da osservare, infine, che la procedura delle riammissioni ha riguardato negli anni scorsi soprattutto la Prima e Seconda Divisione di Lega Pro e non è mai stata cristallina. Al punto che le classifiche ufficiali non sono mai state rese note dalla Lega di competenza, alimentando sospetti e dietrologia in quantità industriale. Sarebbe bene che, nel caso di Triestina e Hellas Verona, la chiarezza non difettasse. La graduatoria finale e i criteri in base ai quali i punteggi sono stati ottenuti dovrebbero essere resi pubblici. Esaminiamo in sintesi i tre criteri.

Classifica dell’ultimo campionato (50%). I punti attribuiti in base a questo criterio sono certi: 36 punti alla Triestina e 31 all’Hellas Verona.

Tradizione sportiva della città (25%). Per l’attribuzione dei punti rimandiamo ai dettagli del comunicato 124/A, dove tutto è meglio specificato. Si tratta di un criterio che può comunque dare luogo a conteggi complessi e non assolutamente certi come quelli relativi alla classifica dell’ultimo campionato.

Media degli spettatori paganti. I punti da attribuire in base a questo criterio sono piuttosto aleatori. Le presenze medie allo stadio, riferite alle gare interne di regular season disputate dalla stagione sportiva 2004/2005 alla stagione sportiva 2008/2009, sono ottenute infatti dividendo il totale degli spettatori (paganti e abbonati) risultante dai dati forniti dalla SIAE per il numero totale di incontri di regular season disputati dalla società nel periodo suddetto. Si terrà conto del quoziente ottenuto con arrotondamento aritmetico alla prima cifra decimale. Per l’attribuzione dei punti rimandiamo ai dettagli del comunicato 124/A, dove tutto è meglio specificato.

Classifica finale. Si otterrà, in base al valore predeterminato assegnato ai tre criteri in premessa, utilizzando la seguente formula: punteggio classifica finale x 0,5 + punteggio tradizione sportiva x 0,25 + punteggio numero medio spettatori x 0,25.

Parità di punteggio nella classifica finale. In caso di parità di punteggio nella classifica finale prevarrà la società che ha ottenuto la concessione della Licenza Nazionale 2010/2011 nel termine del 7 luglio 2010. Qualora anche tale criterio non consentisse la individuazione della società da ripescare, tra le due o più aspiranti società sarà prescelta quella che non è stata sanzionata con punti di penalizzazione in classifica da scontarsi nella stagione 2009/2010 o 2010/2011. Qualora permanga ancora una situazione di parità, prevarrà la società meglio classificata nell’ultimo campionato. 

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film