Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Inizia ufficialmente con la Coppa Italia la stagione calcistica 2010-2011 ed il Crotone del neo-allenatore Menichini si ritrova davanti l’unica ripescata in cadetteria del campionato: la Triestina di Iaconi. Entrambe le squadre partono con l’intento di ben figurare e di provare e testare i propri schemi e la forma fisica maturata nei lunghi, reciproci ritiri estivi. L’obiettivo è ovviamente quello di superare il turno per affrontare la vincente di Albinoleffe-Pescara.

PRIMO TEMPO: Il Crotone all’insegna della continuità schiera il consueto 4-2-3-1 che tante soddisfazioni ha offerto negli ultimi anni ai diversi tifosi RossoBlù. Migliore e Cabeccia sono i due nuovi terzini; De Giorgio, Degano e Cutolo si piazzano sulla linea offensiva appena dietro a Ginestra e davanti ai soliti Galardo e Beati. La Triestina si difende con un classico 4-4-2 con Testini e Godeas intenti a impegnare la difesa pitagorica, Matute e Gerbo a far da diga a centrocampo ed il giovane, interessantissimo Bariti pronto all’inserimento a sorpresa tra le linee.

La gara parte lenta a causa del caldo-umido tipico delle serate estive calabresi ed i ritmi appaiono fiacchi e compassati come se si trattasse di una vera e propria amichevole pre-campionato. La prima occasione è sulla testa di Marchi al 20’, ma Concetti blocca senza problemi. Al 25’ è De Giorgio a rendersi pericoloso, superando con uno scatto imperioso Cecchini e crossando al centro: la smanacciata complicata di Viotti lascia spazio al tap-in comodo di Cutolo che però da due passi spara incredibilmente sopra la traversa.

Al 31’ e al 42’ è Ginestra a provarci, prima con un colpo di testa alto e poi al termine di un’ottima triangolazione veloce costruita con l’apporto di Degano e Cutolo. La prima frazione di gioco si chiude con un tentativo di Testini, ma il suo tiro termina lontano dai pali.

SECONDO TEMPO: Le due squadre ripartono con gli stessi effettivi, ma il Crotone appare più aggressivo, quando già al 9’ De Giorgio sfonda centralmente e Testini è costretto a buttarlo giù. Sul susseguente calcio piazzato dal limite, uno strano rasoterra di Degano impegna severamente Viotti, nonostante la lentezza del tiro. Al 15’ finalmente si sgancia Migliore (fino a quel momento assieme a Cabeccia un pò piantato in fase difensiva).

Il terzino ruba palla a centrocampo e scatta implacabilmente alla ricerca della sovrapposizione, servendo Cutolo: il fantasista RossoBlù finge di ridargli il pallone e poi scodella in area di rigore uno splendido assist al bacio per Degano che ringrazia, saluta tutti e incrocia il pallone con la testa. Viotti non può che guardare la sfera terminare la sua corsa nella rete, 1-0 per il Crotone.

Dopo il meritato vantaggio è Testini al 19’ a mettere i brividi alla retroguardia pitagorica, prima con una punizione tesa spedita fortunatamente sulla barriera e poi al 23’a seguito di una bella azione di Bariti che con la solita, sfrecciante galoppata lo libera al tiro, però terminato a lato. Al 28’ De Giorgio riesce a trovare il varco per Ginestra, ma il cecchino a causa di una deviazione decisiva di un avversario manda a pochi centimetri dal palo.

Al 38’ è ancora Ginestra a cercare un cross speciale per Degano che non colpisce il pallone in sforbiciata per un soffio: sarebbe stato un eurogoal. Quando la partita sta per finire, al 48’ Matute riesce ad ottenere una punizione dal limite dai 20 metri in posizione centralissima. Il neo-entrato Della Rocca prova il Jolly del pareggio, ma la barriera piazzata da Concetti è efficace e l’arbitro può infine fischiare la fine di una gara che ha visto il Crotone centrare il passaggio del turno con pieno merito. Il primo test della verità ha visto due squadre ancora alla ricerca della migliore forma, ma con sicuri ed evidenti margini di miglioramento. Adesso la parola andrà finalmente al campionato e si capirà a breve il reale obiettivo degli Squali e degli Alabardati.

CROTONE (4-2-3-1): Concetti; Migliore, Viviani, Abruzzese, Cabeccia; Galardo, Beati; De Giorgio (13’ st Hanine), Degano (41’ st Parfait), Cutolo (23’ st Ledesma); Ginestra. A disposizione: Belec, Crescenzi, Vinetot, Curiale. Allenatore: Leonardo MENICHINI.

TRIESTINA (4-4-2): Viotti; D’Ambrosio, Brosco, Scurto, Cecchini; Bariti (45’ st Lionetti), Matute, Gerbo, Marchi (12’ st Gherardi); Testini, Godeas (24’ st Della Rocca). A disposizione: Macor, Filkor, Gissi, Sabato. Allenatore: Ivo IACONI.

Arbitro: Silvio BARATTA di Salerno (Rubino/Bianchi).
Marcatore: 15’ st Degano.
Ammoniti: Gerbo (TR) e Migliore (KR).
Recupero: +1 nel Primo Tempo, +3 nel Secondo Tempo.
Calci d’Angolo: 8 per il Crotone, 5 per la Triestina.
Spettatori: 3.000 circa.
NOTE: Gli Ultras RossoBlù hanno deciso di intraprendere 85 minuti di sciopero del tifo contro la distribuzione della Tessera del Tifoso.

Andrea De Marco – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film