Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Ricomincia il campionato e, per buona parte, il 2011 ritrova le vecchie protagoniste del 2010: le vittorie di Sorrento e Gubbio riconfermano in toto le ambizioni dei costieri e degli umbri che non lasciano nemmeno le briciole ai rispettivi avversari. I rossoneri di Gianni Simonelli strapazzano senza problemi il Pergocrema in quella che mister Maurizi non ha esitato a definire la peggior prestazione stagionale dei suoi: ci mettono sessanta secondi i campani a trovare la via della rete con Erpen e al quarto d’ora tocca a Carlini mettere la partita in ghiaccio prima che nella ripresa Manco prima e Paulinho poi dagli undici metri regalino ai tifosi l’ennesimo trionfo stragionale tra le mura amiche nel definitivo 4 a 0. Non sta a guardare la squadra di Vincenzo Torrente che vince per l’ottava volta consecutiva: tocca al Suditirol di Sebastiani alzare bandiera bianca innanzi a Boisfer e Donnarumma che portano a otto i punti di distacco dalla terza piazza e ben quattordici dalla sesta, complice la scivolata della Spal in quel di Monza. I biancorossi trovano il primo successo della gestione Verdelli in una gara nervosa che ha visto i ferraresi chiudere in nove uomini: dopo l’iniziale vantaggio dei ferraresi con Coppola, complice il rosso sventolato a Migliorini per doppia ammonizione, la squadra di Notaristefano si fa prima raggiungere da Ferrario su calcio di rigore (fallo di Belleri su Ricci), poi infilare da Iacopino a inizio ripresa, lesto a ribadire in porta un perfetto traversone dalla sinistra di Campisi che non ha lasciato scampo al pur ottimo Ravaglia, autore di almeno tre interventi magistrali sugli attaccanti lombardi.

Sempre restando in zona play-off, lo Spezia batte la Reggiana e si porta a meno uno dal quinto posto, l’ultimo disponibile per le posizioni che contano, occupato proprio dai granata. Succede tutto nella ripresa quando, prima Colombo e poi Casoli regolano la squadra di Dominissini apparsa anni luce lontana da quella che si era fatta ammirare appena un mese fa.

In attesa che Lumezzane e Salernitana recuperino la sfida rinviata per nebbia, la Cremonese contro l’Alessandria non va oltre il pari: in vantaggio con Sambugaro, la squadra di Acori si fa raggiungere dal giovane ma promettentissimo Damonte prima di rimanere addirittura in nove per le espulsioni decretate ai danni di Stefani prima e Zanchetta poi nel concitato finale dello “Zini”.

In coda pesante successo del Bassano sul Ravenna grazie a Mateos e La Grotteria che portano la squadra di Jaconi al nono posto, mentre sull’ 1 a 1 terminano le sfide di Pagani e Como. La Paganese prima va sotto contro il Pavia che va a segno con il centrale Blanchard, poi è il fantasista Tortori a dieci dal termine a regalare agli azzurrostellati di Capuano il primo punto dell’anno al “Torre”; i lariani trovano l’ics al novantesimo e, proprio come successo contro la Salernitana, il salvatore della patria è il regista Morandi che risponde al vantaggio dell’Hellas Verona di Pichlmann dopo aver sbagliato il terzo rigore consecutivo con Hallfredsson nella prima frazione di gioco.

Diego Stocchi Carnevali – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film