Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress-Stefano Cordeschi)La Sampdoria, il prossimo 26 maggio, festeggerà il ventennale dello scudetto. Ma in casa blucerchiata di festeggiare c’è ben poca voglia. Il derby della Lanterna di domenica sera, potrebbe segnare in maniera negativa una stagione maledetta che rischia di diventare catastrofica. Un derby, quello contro i cugini rossoblù, che capita a sproposito per una miriade di motivi che si possono racchiudere in due parole, Serie B. Il calendario ha riservato un finale di stagione beffardo per la truppa di Cavasin. Il derby alla terz’ultima giornata e la Roma nell’ultima, in quello stadio Olimpico, dove nella scorsa stagione, i blucerchiati spensero i sogni scudetto di Totti e company. C’è da scommettere che i giallorossi attenderanno i liguri fregandosi le mani in vista di una fredda vendetta.

Ma lo scoglio da superare al momento si chiama Genoa. I cugini non hanno nascosto la propria voglia di poter essere gli artefici primi della retrocessione dell’altra squadra di Genova. Fino a questo punto, i rossoblù di Ballardini si sono ben comportati, onorando in pieno un campionato a cui non hanno più nulla da chiedere e, guarda caso, fermando proprio la rincorsa alla salvezza di squadre antagoniste alla Samp. Ma domenica sarà diverso, spinti dal proprio pubblico, Milanetto e compagni vorranno giocare un bello scherzetto ai blucerchiati.

Non c’è che dire, il finale di stagione della Sampdoria è un vero e proprio thriller, dove l’assassino spunta da ogni angolo con il coltello in mano pronto a colpire. La squadra di Cavasin dovrà essere brava a schivare i colpi e sperare che le antagoniste cadano strada facendo, dando ai blucerchiati la possibilità di festeggiare il ventennale dello scudetto in piena allegria. Farlo con una retrocessione sarebbe davvero un peccato.

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi