Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress – Lu. Ban.) La 37a giornata del campionato di Serie A Tim sarà importante per definire alcuni verdetti in chiave europea. La corsa per essere ammessi alla Champions e alla Europa League è arrivata a 180’ dalla fine (QUI i particolari, ndr).

Conteranno molto le motivazioni, considerato che per molti club i giochi sono già fatti e c’è solo voglia di smobilitare. Nulla esclude che domani, al termine delle partite, la volata Champions possa trovare le quattro antagoniste (Udinese, Roma, Lazio e Juventus) nelle stesse posizioni in cui si trovano oggi e con una sola partita da giocare. Il Genoa (che aprirà le danze nell’anticipo di oggi all’Olimpico), il Catania, il Chievo e il Parma avranno davvero la forza e la voglia di ribaltare pronostici che sulla carta sembrano scontati?

Qualcuno comincia a mettere le mani avanti. L’ad del Catania, Lo Monaco, parla di “festa per la salvezza con stadio esaurito e motivazioni certamente minori degli avversari”. Alle pendici dell’Etna basterà agli etnei la spinta del possibile record etneo di punti in A per dare il massimo?.

Idem dicasi sul versante Chievo. L’allenatore gialloblù Pioli fa capire che i veronesi stanno per tirare i remi in barca: “Spero ci sia la forza per una partita vera”. Possibile aspettarsi una nuova impresa dopo il pareggio in casa della Juventus?

Sulla stessa linea il Parma, già salvo, che riceve la Juve di Delneri aggrappata con un filo sottile alla Europa League. Anche se la tenuta atletica dei bianconeri e l’avvicendamento in panchina non sembrano concedere alla Vecchia Signora molte speranze di rimettere in carreggiata una stagione triste per i suoi milioni di tifosi

La volata parte oggi alle 18 dallo stadio Olimpico. Con il Genoa ci sarà una Lazio in emergenza (QUI le ultime sulle probabili formazioni, ndr). Molti rimpianti per mister Reja: “I ragazzi si sentono defraudati, ma per la Champions non è ancora finita anche se forse qualcosa in più sul mercato di gennaio si poteva fare”. E aggiunge il centrale Dias, oggi assente per squalifica: “Sarebbe servito un bomber”.

Mentre il Genoa punta all’ottavo posto (che vale 200mila euro in più e potrebbe servire da spinta alla squadra di Ballardini e Preziosi, che quest’anno non ha fatto sconti a nessuno come sa bene la Sampdoria), al presidente Claudio Lotito – ascoltato ieri per tre ore dal procuratore federale Palazzi per le sue dichiarazioni dopo Lazio-Juve e il presunto “tintinnio di manette – staranno fischiando le orecchie.

Lu. Ban. – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film