Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb) In serie A i conti non tornano (QUI i particolari). L’imperativo categorico è ridurre i costi. Quelli per gli stipendi lievitano, anziché ridursi.

Il monte ingaggi di Inter e Milan lambisce i 130 milioni, quello della Juventus 100 e della Roma intorno agli 80. Cifre monstre, incompatibili con il Fair Plat Finanziario della Uefa di Michel Platini, che prevede di raggiungere il pareggio di bilancio nel giro di tre anni (QUI i particolari).

Non resta che abbattere questo monte ingaggi salito troppo in alto, cedendo qualche pezzo pregiato. Poi puntare su giovani di talento, dallo stipendio sostenibile e dal futuro promettente. Le big si stanno preparando a farlo. Il livello tecnico del prossimo campionato non potrà che risentirne, anche perché in conseguenza della classifica nel Ranking Uefa la serie A Tim ha perso la quarta squadra in Champions League.

Proviamo a fare una sintesi della situazione riguardo a Milan, Inter, Juventus e Roma.

MILAN. L’ad del club giallorosso Adriano Galliani è stato il primo a mettersi in movimento per sfoltire la rosa (QUI i particolari). Sono stati rinnovati finora solo i contratti di Van Bommel, Thiago Silva e Roma. Il resto è ancora in alto mare. Pirlo è incamminato verso la Juventus. Seedorf sembra proiettato verso il Botafogo o il Cornthians. Probabilmente Ambrosini e Nesta saranno confermati. In bilico le posizioni di Gattuso (per lui un’offerta di quelle che non si possono rifiutare in arrivo dal Daghestan), e Inzaghi. Sicuro partente Jankulovsky. Intanto dalla Roma è stato preso Mexes, il cui ingaggio è tutt’altro che leggero (intorno ai 4 milioni di euro, si dice)

INTER. Anche Moratti si sta muovendo per ridurre i costi. Si parla addirittura di Sneijder con le valigie pronte per l’Inghilterra, dove ha un gran mercato. Anche Julio Cesar potrebbe andare al Manchester United, che sta facendo un gran pressing sul club nerazzurro (Ferguson offrirebbe in cambio Nani). Probabile anche la cessione di Maicon e Milito, se ci fossero offerte all’altezza. Potrebbe salutare Milano anche Eto’o, in caso di un’offerta irrinunciabile. Di acquisti se ne parlerà solo dopo una prima potatura della rosa.

JUVENTUS. La situazione è molto fluida in casa bianconera, anche perché non si sa ancora il nome del successore di Delneri (QUI i particolari). Il presidente Andrea Agnelli deve fare fronte con stipendi pesanti come quelli di Aquilani e Buffon, non a caso inseriti nella lista dei cedibili. Molto pesanti gli ingaggi di Amauri, Toni, Sissoko, Grosso, Grygera, Martinez e Salihamidzic (anche loro in rampa di partenza). Di poco fa la notizia che  Marchisio ha rinnovato fino al 2016.

ROMA. Il nuovo patron DiBenedetto ancora non ha presso possesso della barra di comando e non si sa cosa gli frulli in testa. Di certo l’uomo mercato è De Rossi, che però è anche un simbolo del club con Totti e la cui cessione potrebbe essere dolorosa. Difficile che possano rimanere in maglia giallorossa Vucinic, Doni, Menez e Riise. Dopo Mexes (passato al Milan) In partenza anche Juan.

Redazioneweb – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film