Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress – Stefano Cordeschi) Il popolo viola è deluso. La tifoseria gigliata vive con fermento misto alla sconforto le prime voci di un calciomercato che si profila al ribasso, in conformità alla rigorosa attenzione ai bilanci introdotta dal Fair Play Finanziario della Uefa di Platini. Diego e Andrea Della Valle sono stati sempre attenti ai conti societari, figuriamoci oggi che siamo all’avvio di una nuova era per il calcio italiano ed europeo. Le Licenze Nazionali e le Licenze Uefa saranno rigidamente ancorate a parametri dai quali, sulla carta, non si potrebbe (dovrebbe) derogare. Cerchiamo di capire l’aria che tira dalle parti di Firenze, al termine di una stagione opaca che ha letteralmente svuotato le tribune del Franchi (nella foto, i “Non Tesserati” della Curva Fiesole fieri oppositori della Tessera del tifoso di Maroni) come non avveniva da decenni.

Montolivo addio. Il contratto del capitano viola scadeva a giugno 2012, ma Montolivo ha deciso di chiudere in anticipo il suo rapporto con il club viola rifiutando qualsiasi ipotesi di prolungamento. Una bella mazzata per la Fiorentina, che contava di raccogliere dalla sua cessione almeno 15 milioni di euro. Senza il rinnovo del contratto in mano, il prezzo crolla precipitosamente. Da una parte Corvino cercherà di tenersi alto, dall’altra il procuratore Branchini spingerà al ribasso. Nessuno dei due dovrà tirare troppo la corda, per non bloccare le trattative in corso. Quale cifra entrerà nelle casse viola? Non più di 7-8 milioni, una miseria rispetto alle aspettative. L’ingaggio (3 milioni di euro a stagione) non è invece un problema, viste le cifre che si sentono circolare.

Dove giocherà il capitano? Dove andrà a giocare Montolivo? Sono in molti a volerlo. Le richieste a Corvino sono partite già da gennaio, quando l’aria stava cambiando in casa viola. Alla porta hanno bussato Juventus, Inter e Milan. Il giocatore ha molti estimatori anche all’estero: si sono già fatti sotto Manchester City e Bayern Monaco. Per ragioni logistiche Montolivo preferirebbe restare in Italia. A Milano, poi, respirerebbe aria di casa e potrebbe mettersi in vetrina nelle Champions (anche se il rischio panchina da quelle parti è alto, Cassano docet). Per accaparrarselo si profila un derby Inter-Milan?

Verso lo smantellamento della rosa? Quello che preoccupa i tifosi viola non è tanto la partenza del capitano, ma il prevedibile smantellamento di una rosa sulla carta ancora competitiva nonostante l’opaca stagione appena conclusa. Una circostanza che dovrebbe preoccupare anche il confermato Sinisa Mihajlovic , uno tra i pochi tecnci che sono rimasti in sella in serie A Tim (QUI i particolari). Se le voci in circolazione corrispondono al vero, i vari reparti ne uscirebbero decimati. Corvino è letteralmente subissato dalle richieste. I due portieri Frey e Boruc sono nel mirino di mezza Europa e non solo (va detto che la loro cessione spalancherebbe il ruolo di titolare al talentino brasiliano Neto, che ha fatto solo panchina dal suo arrivo a Firenze). Ultimo in ordine tempo il club turco del Galatasaray di Fatih Terim. L’”Imperatore” preme per uno dei due estremi difensori viola. Il club di Istanbul sarebbe disposto a offrire circa 5 milioni di euro per Boruc (prima scelta, visto che Frey è reduce da un brutto infortunio al ginocchio). Anche Adrian Mutu potrebbe lasciare la Fiorentina: il giocatore è da tempo nelle mire del Cesena (già a gennaio il presidente Igor Campedelli aveva tentato di portare il rumeno in Romagna). E’ probabile che con il recupero di Jovetic, Corvino decida di lasciar partire l’attaccante per qusta o altra destinazione (ma c’è il problema di un ingaggio assai oneroso da superare). Il nazionale cileno Vargas è nel mirino di numerosi club: il centrocampista ha molti estimatori in Italia e all’estero e, per ultimo si sarebbe fatto sotto il Manchester City (offerta: 8 milioni di euro più Kolarov). Il Napoli (potrebbe rivestire il ruolo di vice-Lavezzi) avrebbe offerto un triennale a Mario Alberto Santana, a parametro zero perché in scadenza di contratto (QUI i particolari): il giocatore sembrerebbe più allettato dall’ipotesi-Malaga. Su D’Agostino ci sarebbero richieste del Siena neopromosso in serie A: una sede gradita al giocatore che resterebbe comunque vicino Firenze (ma c’è da sistemare prima la comproprietà con l’Udinese). Anche verso Gilardino le pressioni sono alte.  Sulle piste dell’attaccante ci sono soprattutto Juventus (QUI i particolari) e Lazio.

Una folla di partenti, ma chi arriva? Di fronte alle voci crescenti di giocatori importanti con le valigie in mano, sul fronte arrivi c’è molto poso da segnalare. Si parla di Barreto, sul quale Corvino aveva tentato di mettere le mani già a gennaio: il talento di Bari però non è in vendita, ma la volontà del giocatore va in direzione opposta e i galletti hanno un disperato bisogno di contanti. Si vocifera di un interessamento per due giovani promesse della Reggina, Nicolas Viola e Giuseppe Rizzo, peraltro corteggiatissimi da molti club di Serie A (oltre alla Fiorentina ci sarebbero Genoa, Napoli e Udinese). Si è proposto Diamanti, giocatore del retrocesso Brescia che farebbe carte false per giocare in maglia viola (il suo sponsor potrebbe essere Valon Behrami, uno dei migliori del deludente gruppo viola di quest’anno). Troppo poco, per i tifosi viola. Il loro timore è il solito viaggio di Corvino in Brasile alla ricerca di improbabili talenti che poi si rilevano tutt’altro. Non certo gli astri nascenti che erano considerati.

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film