Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – So. Gian.) Si va verso una televisione a pagamento di proprietà e organizzata dalle due Leghe? La Serie A (ancora guidata dal dimissionario Maurizio Beretta) e la Serie B (condotta da Andrea Abodi) hanno dato il proprio assenso.

Venerdì mattina è stato firmato l’atto formale. Attraverso “Lega Service” i 20 club di A Tim e i 22 di Bwin cercheranno di mettere in piedi la “loro” televisione. “Lega calcio Service” è la società di servizi che funge da braccio operativo (immobiliare, finanziario e commerciale) delle due Leghe.

La nuova tv passerà da qui. In effetti la società è in via di liquidazione, per la scissione delle Leghe. Per superare l’impasse è stato aumentato venerdì il capitale sociale (da 550 mila euro a 6 milioni e 200 mila euro) ed è stato cambiato lo statuto con l’ampliamento dell’oggetto sociale (“Svolgimento di attività propria dei fornitori di servizi di media sulle reti di comunicazione elettronica, assumendo e gestendo qualsiasi attività attinente il settore della produzione e distribuzione di prodotti audiovisivi per la televisione e per qualsiasi altra piattaforma distributiva, anche multimediale, nonché quello dello sfruttamento promo-pubblicitario dei prodotti audiovisivi, ivi incluso a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo spot pubblicitari, sponsorizzazioni, telepromozioni, televendite, manifestazioni a premi”).

L’autorità garante delle Comunicazioni e il ministero delle Attività produttive sono stati allertati per ottenere le autorizzazioni necessarie a trasmettere le partite sul canale satellitare e sul piattaforma del digitale terrestre.

Si dovrebbe partire da subito con un canale dedicato al digitale terrestre. Va riempito lo spazio lasciato libero dal crac di Dahlia Tv. Ci sono da acquistare i diritti delle otto squadre di Serie A che non rientrano nel palinsesto di Mediaset Premium (Cagliari, Catania, Cesena, Chievo Verona, Lecce, Parma e Udinese). Innanzitutto, l’emittente lombarda non deve rappresentare il soggetto unico della trattativa. Con il fallimento della pay tv svedese la Lega di A ci ha rimesso 21 milioni di euro e quella di B più di cinque. Entrambe hanno detto di no al concordato (circa il 16%) proposto. In prospettiva si pensa anche alla piattaforma satellitare, per contrastare l’ingombrante monopolio di Sky.

La decisione dei presidenti di A e B (con il supporto tecnico dell’advisor Infront) ha lo scopo di non abbassare il valore dei diritti televisivi in vista della trattativa per la vendita collettiva relativa al triennio 2012-2015 pronta a partire dopo la faticosa condivisione delle linee guida.

Le due Leghe non accetteranno offerte al ribasso rispetto all’introito previsto di un miliardo di euro l’anno. In caso contrario scenderanno direttamente in campo con la propria emittente. Fantacalcio? Lo scopriremo solo vivendo.

So. Gian. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 ore fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: ma sarà vera gloria?

Il passaggio al professionismo ridurrà a dieci il numero dei club iscritti alla Serie A femminile. Una riforma (affrettata?) da...

Editoriali3 ore fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi