Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Lui. Bel.) I rossoneri, dopo l’arrivo di Aquilani, guardano al mercato spagnolo. Sul versante Real, oltre all’idea Kakà, si puntano il nazionale tedesco Khedira e Pedro Leon. Sul fronte Barcellona interessa Keita

L’anno scorso, nel giro di poche ore, arrivarono Zlatan Ibrahimovic e Robinho. Quest’anno il Milan si deve accontentare di colpi a livello Aquilani. “Non compriamo più nessuno”, conferma Ariedo Braida ai microfoni di Sportmediaset. Ciò significa che i rossoneri non procederanno più ad acquisti a titolo definitivo, cercando la via del prestito con diritto di riscatto. Il Fair Play Finanziario incombe pericolosamente e non lascia spazio ad acrobazie di bilancio visti i magri ricavi (QUI i particolari).

Nel mirino di Galliani, dunque, solo obiettivi non di prima fascia. Ovvero calciatori che non attraversano momenti esaltanti nei club di provenienza e potrebbero arrivare in prestito. Parliamo di Riccardo Montolivo (sarebbe però un doppione di Aquilani e per il quale questa strada non sembra percorribile) o lo spagnolo Pedro Leon, che non ha molto spazio al Real Madrid. Oggi la radio spagnola Cadena Ser ha parlato di un altro elemento dei blancos cercato dal Milan: il tedesco Sami Khedira. Al Barcellona Seydou Keita non ha garanzie come titolare, ma ha giocato la Supercoppa europea col Porto e rappresenta l’alternativa di Sergi Busquets nella posizione di mediano. Resta l’ipotesi Ricardo Kakà, ma i tempi iniziano sono stretti come per Mario Balotelli (panchinaro del Manchester City che non è disposto a lasciarlo partire a cifre irrisorie).

Massimiliano Allegri si arrangia con la rosa a disposizione, un gruppo che gioca insieme già da un anno, sperando che sia sufficiente in dimensione europea. Domani la ripresa a Milanello dopo i due giorni di riposo dovuti allo sciopero. Giovedì amichevole a Como con la formazione lariana che ieri ha affrontato il Novara in trasferta e giovedì se la vedrà con i rossoneri in casa.

Lui. Bel. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi