Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Domenico Ferraro) Quarta vittoria di fila per la J.Stabia (nella foto: lo stadio Menti) che doma un Ascoli in partita solo nella ripresa. Le Vespe hanno giocato con grande concentrazione nonostante la mazzata  della penalizzazione data da Palazzi. Le Vespe esibiscono un gran calcio, l’Ascoli invece ha fatto poco cercando il pari nella ripresa solo dopo il 2 a 0 per i giallo-blu nel primo.

Si inizia con la “panolada” dei tifosi stabiesi per protestare civilmente contro la richiesta di penalizzazione ( 9 punti) di Palazzi. Ascoli in 4-1-4-1 con Pederzoli davanti alla difesa, la J.Stabia con il 4-4-2 , assente Danilevicius sostituito da Mbakogu.

Al 2’ la J.Stabia reclama un calcio di rigore per atterramento in area ascolana di Sau: l’impressione è che Peccarisi abbia toccato leggermente l’attaccante  che poi accentua la caduta. Giallo-blu ancora avanti con Erpen: Guarna para il tiro dello stabiese dopo sua discesa sulla destra. Altra occasione per Sau all’11’: l’attaccante stabiese viene contrato nella ribattuta a rete su assist da destra di Cazzola. Il predominio della J.Stabia si concretizza al 16’ con il vantaggio ad opera di Sau che sfiora di testa a centro area un cross a rientrare da destra di Erpen. Al 20’ risponde l’Ascoli con la prima azione pericolosa con testa di Soncin. E’ ancora l’attaccante bianco-nero ad impegnare Seculin al 24’: il portiere devia in angolo.  L’Ascoli comincia ad attaccare ma la J.Stabia punisce al 33’ i marchigiani con Mbakogu: gran azione sulla destra mangiandosi tutta la difesa bianco-nera, alla fine l’attaccante stabiese insacca di destro per il 2 a 0.  Gli ascolani si affidano alle sfuriate di Papa Waigo sulla destra, ma poco efficaci per l’attacco ospite. Il primo tempo termina per 2 a 0.

La ripresa inizia con una doppia sostituzione: dentro Sfaffo e Beretta, fuori Pederzoli e Tamburini, Ascoli quindi più offensivo con un 4-2-4. Al 2’ Ascoli in gol con Soncin che insacca sotto porta un cross dalla destra di Papa Waigo. Al 3’ risponde la J.Stabia: Sau in area ascolana prende il palo.  Al 12’ cross al centro dalla sinistra di Sau, in area Mbakogu mette alto sulla traversa. Compagini molto larghe e molti spazi .  Tra il 18’ e il 19’ la J.Stabia opera due sostituzioni: dentro De Bode e Raimondi fuori Mbakogu e Zito. Giallo-blu disposti in 5-3-2. Al 26’ Raimondi impegna severamente Guarna con un colpo di testa su cross dalla destra del bravo Erpen. La partita è sempre gradevole con capovolgimenti di fronte e ritmi alti.  Al 45’ testa di De Bode da azione d’angolo con traversa piena per la J.Stabia vicina al gol. Quattro minuti di recupero. J.Stabia colleziona ancora un’occasione gol al 47’ con Raimondi, gran parata di Guarna.  Rigore per la J.Stabia al 49’ per atterramento di Raimondi, batte Erpen ma la palla finisce sulla traversa. Finale 2 a 1 per la J.Stabia.

Juve Stabia-Ascoli 2-1 (2-0)

JUVE STABIA (4-4-2): Seculin 6; Baldanzeddu 6,5 , Molinari 6,5 , Scognamiglio 7, Dicuonzo 6; Erpen 8 , Danucci 6 (41’ pt Mezavilla  6) , Cazzola 6,5 , Zito 7 (18’st De Bode 6)  ; Sau 6,5 , Mbakogu 7 (19’st  Raimondi 7).  A disp.: Cerreti, Tarantino,  Biraghi,  Zaza. All.: Braglia 7
ASCOLI(4-1-4-1): Guarna 6,5 ; Ciofani 5,5, Peccarisi 5,5 ; Faisca 5,5 , Tamburini 5,5 (1’st Sbaffo 6) ; Pederzoli  5,5 (1’st Beretta 6,5) ; Vitiello 6,  Parfait 6, Gazzola 6 , Papa Waigo 7;  Soncin 6,5 (26’ Romeo 6).  A disp.: Maurantonio,  Di Donato,  Marchionni, Giovannini. All.: Castori 6
Arbitro: Baracani di Firenze 6,5 (Guardalinee: Bianchi di Cosenza- Pegorin di Latina)
Marcatori: 16’ pt Sau (J), 33’ pt Mbakogu (J) , 2’ st Soncin (A)
Ammoniti: Soncin (A), Scognamiglio (J) , Parfait (A) , Ciofani (A) , Peccarisi (A) , Seculin ( J) , Baldanzeddu (J), Sbaffo (A)
Note. Spettatori circa 4000. Angoli 7-5.  Al 49’ st Erpen (J) fallisce un rigore. Recupero: 2’ pt- 4’ st. In tribuna presente Fabio Quagliarella, attaccante della Juventus e stabiese di nascita.

Domenico Ferraro – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni2 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film