Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb) Per la Juventus arriva dal Meazza (nella foto) il secondo successo in quattro giorni. Dopo il 2-1 alla Fiorentina ecco un altro 2-1, stavolta in casa dell’Inter. Grazie a questi due preziosi successi la squadra bianconera si piazza in cima alla classifica della serie A e vanifica la vittoria in trasferta del Milan all’Olimpico con la Roma.

Una vittoria meritata, anche se condita da qualche imperfezione nella fase dell’approccio alla gara prima e nella gestione del risultato poi. Nonostante la pesante battuta d’arresto, l’Inter appre in fase di progresso, ma i giocatori di Ranieri danno più volte l’idea di essere a secco di idee e di energia. La prova dei nerazzurri nel secondo tempo, quando sono riusciti a creare poco o nulla dalle parti di Buffon, ne è la prova provata. Il fatto di non aver creato granché nel secondo tempo ne è la prova.

Claudio Ranieri (leggete QUI le dichiarazioni post-gara) piazza Nagatomo e Maicon sulle fasce, con Sneijder trequartista a sostegno di Pazzini e Zarate. In posizione avanzata. Dall’altra parte Antonio Conte (leggete QUI le dichiarazioni post-gara) sceglie Matri come punta centrale, mentre consegna la trequarti a Pepe e Vucinic con il compito di funzionare da esterni. Il tecnico bianconero punta molto su Vidal e sulla quantità di gioco che sa dare alla mediana, oltre che sulla propensione offensiva di Lichtesteiner sulla corsia destra.

Vantaggio bianconero al 12’. Lichtsteiner, che sale in continuazione, manda in area un cross basso, Castellazzi è bravo a respingere sulla deviazione di Matri ma nulla può sulla ribattuta di Vucinic. Tocca a Maicon segnare la rete del pari al 28’, quando Sneijder gli appoggia poco dentro il vertice sinistro dell’area di rigore un pallone che finisce sotto la traversa di Buffon sfruttando una deviazione di Bonucci. Chiude la gara 33’ l’ottimo Marchisio, con un perfetto destro su sponda di Matri. Nella ripresa Ranieri chiama in campo Castaignos al posto di Zarate. Una scelta che dà maggior peso all’attacco, ma non segna alcun tipo di svolta. La Juve, magistralmente gestita da Conte anche nei cambi, porta in fondo con sicurezza il prezioso successo.

Inter-Juventus 1-2 (1-2)

INTER (4-3-1-2): Castellazzi, Maicon, Lucio, Chivu, Nagatomo, Zanetti, Cambiasso, Obi (19′ st Stankovic), Sneijder (33′ st Alvarez), Zarate (1′ st Castaignos), Pazzini,  A disposizione: Orlandoni, Cordoba, Jonathan, Milito. Allenatore: Ranieri
JUVENTUS (4-3-3): Buffon, Lichtsteiner, Bonucci, Barzagli, Chiellini, Vidal  (44′ st Pazienza), Pirlo, Marchisio, Pepe, Matri (25′ st Estigarribia), Vucinic (39′ st Del Piero). A disposizione: Storari, De Ceglie, Elia, Quagliarella. Alenatore: Conte
Arbitro: Rizzoli di Bologna 5.
Reti: 12′ Vucinic, 28′ Maicon, 33′ Marchisio.
Spettatori: 78.072 per un incasso di 2.649.933 euro.

Redazioneweb – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film