Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress-Enrico Losito) Calciatore dalle alterne fortune e allenatore dalle esperienze esterofile d’oltreoceano. Ernestino Ramella si è rimesso in gioco nel calcio italico con un pizzico di disincanto e tanta nostalgia per il Messico, dove lo sport viene vissuto scevro da stress. Ora, però, guida il Como che veleggia nelle prime posizioni del girone A.

L’andamento del suo Como è anomalo: vincente in trasferta e claudicante tra le mura amiche. Come lo spiega? Per le caratteristiche dei nostri giocatori che non sono fisicamente possenti. Fuori casa possiamo sfruttare le ripartenze lasciando il compito d’impostare la partita all’avversario, mentre in casa i contropiedi li subiamo come accaduto domenica scorsa”

Il girone A non ha ancora espresso una reale leadership, anche la stessa Ternana non è ancora riuscita ad allungare. Siamo davvero di fronte ad un torneo mediocre come dicono alcuni addetti ai lavori? “Non la penso così. Tutte le formazioni sono temibili. Del resto l’ha dimostrato il Foligno che è andato a vincere a Vercelli contro la formazione più in forma del torneo. La Pro è una squadra fisica, ma ha anche dimostrato di sapere giocare al calcio. Ogni partita fa storia a se stante. Credo che sia un campionato equilibrato. E’ chiaro che squadre come Ternana, Benevento e Taranto, se manterranno un’andatura costante, potranno giocarsi la promozione in primavera. In ogni caso tutti i tornei sono all’insegna dell’equilibrio. Se si osserva l’altro girone con 18 punti si è primi in classifica, dunque anche li c’è equilibrio. Ritengo che i dubbi relativamente ai valori delle compagini saranno fugati al termine del girone d’andata.

Ci pensa al primo posto? Quali sono gli obiettivi della sua squadra? “Non parliamoci di questa cosa.  Siamo partiti per il ritiro il 23 luglio, invece della data prevista del 18 luglio, in quanto non avevamo giocatori, anzi ne avevamo due: Ardito e Fautario, quest’ultimo finito al Frosinone. Poi sono arrivati altri giocatori, addirittura sei nell’ultimo giorno di mercato. Tra l’altro abbiamo 5-6 calciatori che non vengono pagati dalla nostra società, ma bensì dai club che ce li hanno dati in prestito. A fine anno ci ritroveremo con pochissimi atleti in rosa. Questa è la politica del basso costo che il Como ha intrapreso. Spero, come avvenuto lo scorso anno, di arrivare prima possibile a 40 punti e poi, eventualmente, cercheremo di agganciare l’ultimo posto utile per i play off. Ci sono troppe squadre superiori a noi a livello di organico. Noi abbiamo 13-14 elementi importanti, mentre gli altri sono alla prima esperienza importante in C1”

Ha allenato per un paio di stagioni in Messico, prima il Queretaro e successivamente il Pachuca. Ci racconta questa esperienza oltreoceano? Al corso di Coverciano si è presentato Alfredo Tena (ex nazionale del Messico ndr) accompagnato da Hugo Sanchez, il più grande calciatore messicano. Tena ha seguito il corso insieme a me e dopo un anno mi ha ricontattato per propormi di allenare in Messico. Lui ricopriva il ruolo di direttore tecnico della squadra del Città del Messico. Io, però, ero impegnato sulla panchina del Legnano. Tena, comunque, non si è arreso è mi ha contattato una seconda e una terza vota. Io ho accettato entrambe le offerte andando prima ad allenare il Queretaro e qualche stagione dopo il Pachuca. Ho disputato anche la Coppa Libertadores ritrovandomi nel girone del Boca Juniors, dell’Università di Cuenca e dello Sporting Cristal di Lima. E’ stata un’esperienza bellissima, perchè non c’è stress. Ci ritornerei volentieri, ma purtroppo il mio amico non ricopre più il ruolo di direttore tecnico”.

Nel Como sono cresciti grandi giocatori come Tardelli e Vierchowod, nella rosa attualmente a sua disposizione c’è qualche calciatore di cui sentiremo parlare in futuro? Ho un classe 93′ che si chiama Bellitta, proveniente dal settore giovanile. L’ho fatto giocare per le prime tre partite di campionato. L’altro è Miello: un trequartista classico del ’92 proveniente dal Torino”

Enrico Losito – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film