Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress – Ro. Be.) Strascichi polemici a non finire dopo Milan-Juventus (nella foto, lo stadio Meazza).

Il presidente dell’Aia Marcello Nicchi contrattacca. Passa alle misure forti, per tutelare gli arbitri dentro e fuori dal campo.

Stop al gioco al massacro sui direttori di gara, da ora in poi l’applicazione dei regolamenti sarà ferrea.

‘Il quarto uomo non serve più a niente, Uno come Rizzoli (quarto ufficiale in Milan-Juve) deve rimanere a tenere calme le panchine e invece poteva dare una mano all’arbitro”, dice Nicchi.

“Tagliavento ha sbagliato l’approccio. L’assistente Romagnoli? Ho evitato di parlare con lui”, precisa il numero uno degli arbitri italiani.

Nicchi critica le parole di Gigi Buffon che, dopo Milan-Juve e il contestato gol fantasma di Muntari, aveva detto che qualora se ne fosse accorto non lo avrebbe detto all’arbitro,

Spiega : ”Il mio portiere, il capitano della Nazionale ha detto cose che si poteva risparmiare, non un esempio per i giovani. Sarebbe servita un po’ di cautela. Mi ero convinto di mandare gli arbitri in sala stampa, adesso ci ripenso”.

Thiago Silva si sarebbe comportato invece come il portiere della Juventus Gianluigi Buffon: “Anch’io avrei fatto lo stesso, il calcio è la mia vita e il mio lavoro. Avrei fatto come lui, non avrei parlato”

Aggiunge il difensore rossonero: “Però in una partita importante l’arbitro non può sbagliare”. Il brasiliano conclude dicendo di essere favorevole alla moviola in campo “ma anche ai due uomini dietro la porta come in Champions League”.

Ro. Be. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film