Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress –  Redazioneweb) In Bwin dopo la 13a di campionato la promozione diretta in serie A sembra sempre più ristretta a tre squadre: il Sassuolo capolista con 31 punti, l’Hellas Verona secondo con28 a tre lunghezze e il Livorno attestato a quota 26. Alle loro spalle si sta facendo il vuoto. Il Citadella, che occupa con 20 punti la quarta piazza, è staccato dagli amaranto di ben sei lunghezze. Facciamo il punto sulle tre pretendenti.

Qui Sassuolo. La forza del Sassuolo è il collettivo. Conta molto anche la serenità del contesto, che non fa pressioni sul gruppo e consente a mister Di Francesco di lavorare con la massima tranquillità. I neroverdi emiliani sono la squadra che fin qui ha vinto di più (10 volte) e pareggiato di meno (una sola volta, come l’Ascoli). Si registrano due sconfitte: a Cittadella e al bentegodi con l’Hellas Verona). A un attacco che è andato a segno 23 volte (una rete in meno del Livorno, che ha il reparto offensivo più prolifico della cadetteria) fa da contrappasso la difesa più ermetica della cadetteria (Pomini ha incassato finora solo 6 reti). Nel club della Mapei segnano un po’ tutti: in 12 finora sono andati in gol a conferma della solidità dell’impianto. Nel prossimo turno il Sassuolo se la vedrà in casa con il Novara.

Qui Hellas Verona. L’Hellas Verona di mister Mandorlini ha oggettivamente la miglior rosa della cadetteria. In attacco se la giocano molti pezzi da novanta, che farebbero ottima figura anche nella massima divisione nazionale. Non solo Daniele Cacia dunque (che dei gialloblù è il miglior marcatore con 9 reti), ma anche Gomez (per lui 5 reti finora), Cocco, Bojinov e Grossi. I 23 gol segnati parlano da soli, senza contare che l’Hellas è la sola squadra di cadetteria che è sempre andata a segno in tutte le partite. Gli scaligeri hanno incassato una sconfitta (allo stadio Euganeo contro il Padova), hanno pareggiato 4 volte e si sono aggiudicati i tre punti in otto occasioni. Al Bentegodi il Verona non perde dal 9 ottobre 2011 (Hellas Verona-Torino 1-3). La difesa è all’altezza della situazione anche se un po’ Rafael dipendente, visto che in assenza del portierone brasiliano i sostituti (Nicolas e Berardi) non sono apparsi all’altezza. Il reparto è solido: con 10 gol subiti è il secondo in cadetteria alle spalle di quello del Sassuolo). Insomma uno squadrone sotto tutti i punti di vista. La 14a giornata vedrà l’Hellas impegnata nella insidiosa trasferta al Liberati con la Ternana.

Qui Livorno. Il Livorno prova a fare da outsider. Gli amaranto di mister Nicola hanno un attacco-monstre (con 24 reti il migliore della cadetteria) che può contare su un trio di tutto rispetto formato da Siligardi (6 reti), Dionisi (5) e Paulinho (4). La difesa non ha però un rendimento adeguato. E’ il tallone d’Achille della squadra, considerato che, con 20 reti subite, precede solo Empoli e Pro Vercelli nella speciale classifica. Del terzetto di testa il Livorno è quello che ha perso più partite (3). Nel prossimo turno i labronici giocano al Del Duca con l’Ascoli.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film