Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Insigne(Calciopress – Redazioneweb) Con una rete segnata nella ripresa da Fabio Borini, attaccante in forza al Liverpool rientrato proprio oggi dopo tre mesi di assenza per un brutto infortunio, l’Italia batte la Germania. Fino ad oggi gli Azzurrini non erano mai riusciti a battere i tedeschi: nelle precedenti cinque gare tre sconfitte e due pareggi.

Molte le assenze nell’Under 21. Non ci sono Florenzi, El Shaarawy e Verratti passati alla nazionale maggiore. mancano Gabbiadini, Destro e De Sciglio infortunati, Marrone finisce in tribuna per un attacco influenzale. Mangia si affida al solito modulo, il 4-4-2, con Bardi in porta, in difesa da destra Donati, l’esordiente Bianchetti in coppia con Caldirola, Biraghi, a centrocampo Sansone, Crimi, F. Rossi, Insigne (nella foto), in attacco Immobile e Borini.

Nella ripresa al 14’ l’Italia passa in vantaggio sfruttando una verticalizzazione di Immobile per Insigne che, in progressione, supera l’avversario e serve un pallone facile-facile per Borini che di sinistro infila in rete, realizzando la sua quarta rete con la maglia azzurra. Brutto colpo, la Germania non ci sta.

Al fischio finale, il tecnico non nasconde la propria soddisfazione: “La Germania resta una delle favorite all’Europeo, ma noi abbiamo giocato una grande partita e, se fossimo riusciti a far muovere la palla più velocemente, li avremmo messi ancora di più in difficoltà. Ai ragazzi va un grande applauso, sono stati tutti bravissimi. Questa è una squadra che ha valori importanti, a prescindere da chi gioca e chi sta fuori: non ha mai sbagliato atteggiamento. E sono contento anche per Borini, che ha sofferto tanto per via dell’infortunio: questo è il primo premio per lui, e non sarà l’ultimo”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film