Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Gambe in azzurroLa Prima Divisione Unica di Lega Pro guidata dal presidente Gabriele Gravina si trova a fare i conti con una significativa diminuzione dei club iscritti (“Lega Pro 2016-17, il format si sgonfia?“).

Per ripristinare il format federale a 60, di fatto ancora in vigore in attesa della riforma che sarà comunque varata entro agosto dalla Figc di Carlo Tavecchio,  sarà dunque necessario procedere ai ripescaggi.

Il fatto è che i requisiti per accedere alla procedura sono severi e penalizzanti, al punto che molte società saranno certamente tenute fuori dalle rigide regole emanate in materia da Lega Pro e Federcalcio (“Lega Pro 2016-17, chi ha i requisiti per partecipare ai ripescaggi?“).

Si fa strada addirittura l’ipotesi che al massimo un paio di club retrocessi dalla Lega Pro siano ripescabili, ammesso e concesso che si prestino a pagare l’oneroso fondo perduto.

Pertanto potrebbero partecipare alla procedura di ripescaggio in Lega Pro quasi esclusivamente società di Serie D.

In tal caso lo sbarramento sarà rappresentato non solo dal fondo perduto, ma anche da criteri sportivi e infrastrutturali che per alcuni club si dimostreranno di fatto insuperabili.

So. Gian. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film