Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Riportiamo uno stralcio dell’illuminante intervista rilasciata dal presidente della Lega di Firenze, Gabriele Gravina, al giornalista di Repubblica Fulvio Bianchi >>> la potete leggere integralmente QUI.

Riguarda il caso Finworld, sul quale sono rilasciate una serie di affermazioni pesanti, che la dicono lungo sulla deriva della terza serie nazionale e prospettano un inizio di campionato con penalizzazioni a go-go. Le ricadute sui gironi nei quali saranno inserite le società meno virtuose sono lampanti. Una questione che ricadrà su ogni singolo club in regola, come era stato già prospettato su questo sito >>> leggete QUI.

* * * * * * * * * * * * * *

“Un’altra estate infernale per il nostro calcio. Ci sono 4-5 club di serie C che rischiano di scomparire o sono già scomparsi (Mestre, Cuneo, Fidelis Andria, Lucchese, Matera e Reggiana). In più, ecco un altro scandalo: le fideiussioni dubbie di 9-10 club di serie C, con la società Finworld Spa che adesso potrebbe essere bloccata dal consiglio di Stato.

Adesso che succederà con questi 10 club?
“La storia è chiara, noi abbiamo fatto la nostra parte sino in fondo. Ho scritto a questi club, devono mettersi in regola. Rischiano 300.000 euro di ammenda, equivalente della fideiussione, e una penalizzazione in classifica”.

Sulla Gazzetta di oggi è scritto che “la Triestina ha depositato una fideiussione semplicemente falsa”. Le sembra normale?
“No, non è per niente normale. Ho denunciato la società alla Procura della Repubblica e alla procura federale: loro si considerano parte lesa e adesso presenteranno un’altra fideiussione buona. Poi, forse saranno penalizzati. Tutti si dichiarano truffati…”.

Molti club di calcio per una fideiussione da 300 mila euro si rivolgono a società assicurative e finanziarie che chiedono 30-40.000 euro quando una banca chiede solo 2-3000 euro. Strano, no?
Sorride. “Questione di garanzie… La verità è che così non si può più andare avanti, lo ho detto anche a Fabbricini. Su 60 società, 48 sono da serie A, una decina si iscrivono solo con una domanda senza tassa, fidejussione, pagamento dei calciatori… Poi si avanti coi ricorsi e con le penalizzazioni. Così facendo, per la nostra Lega è un danno di immagine, rischiamo di perdere gli sponsor, anzi li abbiamo già persi. Farò un’azione di responsabilità”.

 repubblica.it

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni15 ore fa

Serie A Femminile, il ruolo cruciale del Centro Sportivo

È stato detto che la Divisione Femminile ha due anime. Una radicata nel professionismo maschile e l’altra di matrice dilettantistica. La seconda anima...

Editoriali4 giorni fa

Serie A Femminile verso il professionismo, una sfida complicata?

Si avvicina (pericolosamente?) l’era professionistica della serie A Femminile. Quando ci si trova nell’imminenza di passaggi così ardui, servono progetti...

Opinioni4 giorni fa

Serie A Femminile, cultura dei vivai e professionismo

La transazione verso il professionismo della Serie A Femminile, gestita dalla Divisione Femminile guidata da Ludovica Mantovani e dalla Figc...

Opinioni4 giorni fa

Alla Serie A Femminile serve un professionismo di sostanza

Nei mezzi di comunicazione di massa più influenti le notizie sono sempre ridotte ai minimi termini. Stiamo parlando del campionato...

Editoriali6 giorni fa

Serie A Femminile, come nani sulle spalle di giganti

Tempus inesorabile fugit. La Serie A Femminile si avvicina, a grandi passi, verso la stagione del passaggio al professionismo. Il...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Femminile, quando il campionato non finisce mai

Il campionato di Serie A Femminile 2020-21 ha avuto inizio il lontano 22 agosto 2020. E però le squadre si...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Femminile, tutto il bello della domenica

Ben prima della pandemia che ha disastrato le vite degli umani, il calcio moderno veniva fatto correre a rotta di...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film