Connect with us

Pubblicato

il

gambe portiere 2821 (2)In Belgio la serie A passa da 16 a 15 squadre. Salta per bancarotta il Royal Excelsior Mouscron, dal 1996 nella massima serie e fino alla scorsa stagione allenato da Vincenzo Scifo (ex Inter e Torino). Fatale un debito di appena 800mila euro. E’ la prima volta, in Europa, che un club della massima serie si ritira in corso di torneo. Un altro severo monito per il calcio italiano, che da lustri viaggia con i conti in profondo rosso.

Se qualcuno voleva ancora un segnale indicativo dei conti in profondo rosso del calcio europeo, l’ultimo avviso arriva dal Belgio. Il Royal Excelsior Mouscron, club fondato nel 1922 che giocava in serie A dal 1996, ha dichiarato bancarotta ed è stato escluso dal campionato. La squadra era nona in classifica, con 23 punti dopo 20 partite.

Gli effetti di questo evento sono devastanti. Il Mouscron si ritira dal campionato di serie A belga, che prosegue con sole 15 squadre. Tutti i risultati finora conseguiti sono stati annullati. La classifica, il club viene piazzato in ultima posizione a zero punti, ne esce rivoluzionata.  I giocatori sono stati svincolati d’ufficio. Le cento persone che, a vario titolo, erano sui libri paga del club sono in mezzo a una strada.

Colpisce l’esiguità del debito che ha fatto saltare il banco. Appena 800mila euro l’entità del debito che la società non è riuscita a ripianare, cui va aggiunto il mancato pagamento degli stipendi.

Il caso del Mouscron è clamoroso non solo per questa ragione, ma anche perché rappresenta la “prima volta” per il bacato calcio moderno europeo. C’erano stati altri fallimenti in corso di campionato. Mai, però, era stato necessario finora un ritiro.

L’avviso ai naviganti che arriva dal Belgio è, dunque, quanto mai preciso. Il calcio vive al di sopra delle sue possibilità. Il rischio di sprofondare aumenta di anno in anno. E sarà ancora maggiore a partire dal lancio del piano triennale in nome del fair play finanziario fortemente voluto dal presidente della Uefa, Michel Platini. 

Sa. Mig. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi