Connect with us

Pubblicato

il

juventus-ciro-ferrara La Juve si è messa alla ricerca di un traghettatore. Un tecnico che si assuma l’onere di concludere questa infausta stagione, in modo da iniziare la prossima sotto auspici migliori. Il povero Ferrara si fa carico di tutte le colpe.

Ma è veramente Ciro Ferrara l’unico ed incurabile male di questa Juventus? Sia ben chiaro non siamo qui a difendere a spada tratta chi qualche colpa l’ha sicuramente palesata, ma la precarietà quotidiana del tecnico bianconero appare ormai una telenovela senza fine. Che sia processo, ma breve, queste le affermazioni di Ferrara, e questo è quello che si aspetta il popolo bianconero, abituato a ben altro tipo di dirigenze. Ferrara si, Ferrara no, dopo questo dopo quello vedremo!. Ed ecco che nasce naturale porsi la domanda iniziale.

Ora si cerca il traghettatore, come se la Juventus sia squadra da traghettare o da affidare nelle mani provvisorie di qualcuno, magari della divina provvidenza. Già, un traghettatore. Ma non lo è stato proprio Ciro Ferrara, quando a due giornate dal termine prese il posto di Ranieri? Le colpe sono di Ferrara, a morte Ferrara!. Ma allora perché non sostituirlo durante la sosta natalizia, quando c’erano i tempi giusti per un subentro?

Non è che per puro caso nessuno in casa Juve sia in grado di prendere decisioni vere? Traghettiamo la Juventus! E con chi? Non ditemi che i nomi sono quelli che abbiamo sentito girare in questi giorni, e cioè quelli di un commentatore televisivo, di un ex che ha la stessa esperienza di Ferrara, e di un grande del passato che la panchina l’ha lasciata ormai da tempo.

La Juventus ha bisogno di tante cose, su questo non ci sono dubbi, ma forse il marasma che sta coinvolgendo i colori bianconeri ha avuto inizio con un esonero troppo affrettato e che niente aveva a che fare con lo “stile Juventus”. E di questo, oggi, tutti devono fare il mea culpa, anche quei giornali che crocifissero Ranieri a suo tempo, e che oggi ripetono l’operazione con Ferrara. 

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi