Connect with us

Pubblicato

il

Calciopress_011(CALCIOPRESS) – Il calcio italiano tenta invano di imitare altri sport dove la lealtà sportiva è alla base di ogni atleta. Merce assai rara nel panorama calcistico italiano.

Forse in pochi se ne sono resi conto. Ma già ad inizio stagione c’era stato un abboccamento di terzo tempo quando, a fine partita, il direttore di gara, chiamava a sè al centro del campo i contendenti per il saluto finale. E’ durato appena due giornate, poi non se ne è fatto più niente. Successivamente la manifestazione spontanea, vissuta in Fiorentina-Inter, portò a considerare la possibilità di poter intraprendere di nuovo la strada del famoso terzo tempo.

Quindi, si è passati dalla spontaneità del gesto alla obbligatorietà. Dall’introduzione del terzo tempo si è assistito a scene deplorevoli, piuttosto che a gesti propositivi. Quello che doveva essere un momento di “riappacificazione” e aggregazione è diventato un motivo in più di scontro e di polemica. Si assiste quindi sistematicamente a sguardi minacciosi tra giocatori, continue proteste e assedi alle terne arbitrali, atleti che si stringono la mano malvolentieri e altri che si ignorano spudoratamente.

Insomma, una farsa che ha ben poco a che fare con il vero terzo tempo che da sempre contraddistingue altri sport, quali ad esempio il rugby. Uno sport, questo, praticato da energumeni gentiluomini al contrario del calcio praticato da gentiluomini energumeni. La citazione non è farina del mio sacco, ma calza a pennello per descrivere una situazione dove l’inapplicabilità di una manifestazione di lealtà sportiva non trova alcuna possibilità di successo in ambito calcistico.

Il calcio è altra cosa. Fatto di furberie, simulazioni, proteste continue e, cosa ben più grave, colpi dolosi e sberleffi. E’ inutile e deleterio continuare in questa direzione. Volere a tutti i costi imitare altre situazioni, senza averne i requisiti di base, non fa altro che complicare ulteriormente le cose. Inutile sottolineare quanto questa sorta di esperimento di terzo tempo sia fallito sotto tutti i punti di vista. D’altronde, mai si sono gettate le basi per far si che diventi un fatto spontaneo. Si è lasciato il tutto alla sola iniziativa di pochi.

Lasciamo quindi il terzo tempo a chi compete e che, da sempre, vive questa esperienza con i giusti crismi dettati da una lealtà sportiva che porta gli atleti a condividere, in amicizia, una manifestazione sportiva che tale resta dal fischio iniziale a quello delle cessate ostilità.  

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi