Connect with us

Pubblicato

il

Calciopress_015 Una cascata di soldi sta per rovesciarsi sul calcio italiano. Il problema sarà come dividere la torta, che vale quasi un miliardo di euro a stagione. Anche perché la maggior parte dei club tira avanti grazie ai soldi delle pay per view, se si considera che il bilancio complessivo ammonta a circa 1 miliardo e 500milioni di introiti e che gli incassi al botteghino incidono in misura minima.

Nessun accordo in vista tra le società, come è naturale che sia considerato l’alto tasso di litigiosità che connota il calcio italiano anche nelle stanze dei bottoni. I diritti tv, in base alla legge Melandri, saranno collettivi e suddivisi secondo un criterio già stabilito in LNP.

Una parte sarà uguale per tutti, a prescindere dalle dimensione del club (grande o piccolo che sia). Un’altra quota spetterà in base ai risultati sportivi. Il punto del contendere è rappresentato dalla valutazione del cosidetto “bacino d’utenza”. Un criterio astratto in base al quale verrà distribuito circa un terzo della quota, ovvero 300 milioni di euro.

A quanto è dato sapere il tutto dovrebbe essere affidato a tre indagini demoscopiche. Il problema è capire a quale criterio ci si uniformerà per valutarlo, questo bacino d’utenza. Alla quota dei tifosi (prima la Juventus, poi Milan e Inter)? Agli ascolti tv (prima la Juventus)? Al numero di spettatori allo stadio (In testa l’Inter seguita dal Napoli)? A tutto questo insieme o a qualche cosa d’altro ancora?

Napoli, Palermo e Fiorentina potrebbero sollevare paletti nel merito. De Laurentiis, Zamparini e Della Valle non sono tipi docili e la fetta di trecento milioni fa gola.

Sa. Mig. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi