Connect with us

Pubblicato

il

cassano_ancora_con_noi1 I media sono rimasti spiazzati dall’improvvisa marcia indietro di Antonio Cassano. Il passaggio del fuoriclasse barese dalla Sampdoria alla Fiorentina sembrava cosa fatta. Entusiasmo tra i tifosi viola. Disperazione tra quelli blucerchiati. Poi l’improvvisa retromarcia. Le ragioni? Le spiega lo steso Cassano in una lettera d’amore indirizzata alla Samp. I retroscena e i commenti in casa genovese. Marotta parla di una telenovela degna del circo Barnum in cui si è trasformato il calcio.

Cassano non va più alla Fiorentina. Le ragioni? Le spiega, sul sito web della Sampdoria, lo stesso giocatore barese. Le riassume, con toni accorati, attraverso una vera e propria lettera d’amore indirizzata alla squadra blucerchiata. Lasciamo che siano le sue parole a spiegarlo: “’Resto anche se non posso negare che per qualche momento mi sono visto lontano da tutto questo e da quello che negli ultimi tre anni, di fatto, mi ha cambiato la vita. Sabato mi è stata prospettata la possibilità di trasferirmi , seppur temporaneamente, alla Fiorentina. Una grande società ed una bellissima squadra che mi ha chiesto di far parte da qui a giugno di un progetto ambizioso con l’opportunità di giocare anche in Champions League. Non posso negare di averci riflettuto sopra in un momento in cui qui a Genova gli spazi per giocare mi apparivano decisamente ridotti, viste le recenti dichiarazioni dell’allenatore. Ribadisco il mio rispetto per le scelte dell’allenatore, ma proprio per questo, in un momento di profonda delusione, non ho potuto fare a meno di valutare l’opzione viola. In pochissime ore però Genova e la ‘mia’ gente mi hanno davvero sommerso di manifestazioni di affetto e attaccamento senza pari, impensabili anche per me che con questa fantastica tifoseria e con questo ambiente ho legato fin da subito in maniera intensissima. Sono state dimostrazioni che mi hanno toccato e commosso davvero. Anche e soprattutto per questo ho deciso di mantenere fede a quella scelta che non più tardi di due anni fa in quel fantastico Sampdoria-Inter feci mia: ‘io resto qui’. Resto qui per restarci. Per me, per i tifosi e per quella grande persona e grande uomo che è Riccardo Garrone”.

Fin qui il giocatore. In casa blucerchiata le reazioni alla curiosa vicenda non si sono fatte attendere.

Il presidente Garrone, al termine della gara vittoriosa di Marassi con l’Atalanta (2-0 il risultato finale, reti di Palombo e Pazzini), ha parlato di un’inziativa partita dal procuratore di Cassano in modo del tutto autonomo rispetto alla volontà del club e ha confermato che la decisione di restare è interamente da attribuire al giocatore.

L’allenatore Delneri, molto fischiato durante la gara, non ha voluta rilasciare alcuna dichiarazione sul caso. E’ evidente che per lui si tratta di un boomerang e di una bella patata bollente da gestire da qui alla fine del campionato.

Il più loquace è stato l’amministratore delegato e direttore generale Marotta, che ha parlato di “telenovela che fa parte di questo Barnum che è il circo del calcio”. Il dirigente blucerchiato ha chiarito che Cassano non era in lista di trasferimento e che la Fiorentina ha parlato con il giocatore ancor prima di sedersi a un tavolo con la Sampdoria. Ha tenuto a sottolineare che, comunque, la volontà del fuoriclasse barese sarebbe stata tenuta nel debito conto e che è stato lui stesso a decidere di fare marcia indietro. Marotta ha concluso sostenendo che Cassano a Genova non è un emarginato, ma un giocatore della Sampdoria a tutti gli effetti.

Si tratta, a questo punto, di capire e di vedere come la penserà su questo punto mister Delneri. 

Sa. Mig. www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni3 giorni fa

La Juventus si riprende il talento di Sofia Cantore: sarà qualcosa di travolgente?

👉🏾 Questo articolo era stato pubblicato da Calciopress nel luglio 2022, a futura memoria. Lo riproponiamo, perchè Sofia Cantore ha...

Opinioni3 settimane fa

Coppa Italia Femminile: per conoscere meglio i 16 club di una serie B ad alto potenziale

Domenica 11 settembre prende il via la prima giornata della Fase a Gironi di Coppa Italia Femminile ➡️ il programma....

Opinioni1 mese fa

Serie B Femminile: è possibile l’impresa di far concorrenza alla Serie A?

Da subito Calciopress ha ritenuto opinabile e affrettata la scelta di entrare nell’era professionistica del calcio femminile con una Superlega...

Editoriali1 mese fa

La Nazionale, la Serie A e il professionismo: la lunga estate calda del calcio femminile

Un’estate torrida come non mai. Un caldo infinito, iniziato già a maggio. Roba che, alla lunga, dà alla testa. Non...

Opinioni1 mese fa

Calcio femminile e ‘grande storia’ dei club: solo il tifo non è negoziabile

Il calcio è uno sport bellissimo, a prescindere dal genere. La sua valenza sociale riposa nella trasversalità del tifo, che...

Nazionale2 mesi fa

Nazionale Femminile: il supporto Rai è stato un ‘flop’ per la crescita del movimento?

La Rai ha puntato molto sulla Nazionale Femminile. Secondo Andrea Fagioli, opinionista di ‘Avvenire, è stato un flop mediatico ➡️...

Editoriali2 mesi fa

Campionato Europeo: se il calcio femminile diventa qualcosa di travolgente

✅ Inghilterra-Svezia di ieri sera è stata gioia pura per gli occhi. La ciliegina sulla torta? Il magnifico gol di...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi