Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

taranto-reggiana_6 Pareggio sostanzialmente giusto al “Giglio” di Reggio Emilia, dove le due formazioni si sono affrontate a viso aperto tentando di superarsi fino all’ultimo istante. A conti fatti probabilmente Corona e compagni hanno prodotto maggiori palle-gol, ma anche i granata, da parte loro, possono recriminare per il palo colto da Maschio nel primo tempo e il tiro, a tu per tu con Bremec, di Zini in chiusura di gara. Un incontro dunque che lascia ben sperare per il prosieguo del torneo delle due squadre che possono ambire ad un posto nei play off. Da segnalare la presenza massiccia e rumorosa dei tifosi tarantini (circa un migliaio di unità).

Schieramenti. Il tecnico Dominissini si ritrova una formazione decimata tra assenze e infortuni. La Reggiana modulata 4-3-1-2 presenta un centrocampo con Viapiana mediano, Romizi a destra e Maschio a sinistra, Alessi in appoggio del tandem offensivo composto dal rientrante Rossi e Temellin. Dall’altra parte anche Dellisanti è costretto a fronteggiare svariate defezioni, soprattutto a causa di un virus intestinale che ha colpito in settimana parecchi atleti. In ogni caso il tecnico sangiorgese lascia immutato lo scacchiere tattico riproponendo il classico 4-4-2. In difesa Colombini (all’esordio in casacca rossoblu in questa stagione) sostituisce Bolzan, a centrocampo il croato Rajcic prende il posto di Coppola. Sulle fasce Di Roberto  e Scarpa vengono invertiti rispetto alle ultime apparizioni.

Cronaca. Primi minuti a buoni ritmi da parte di entrambe le formazioni, ma bisogna attendere il 17’ per segnalare la punizione mancina (dai 25 metri) scoccata dallo jonico Di Roberto. Immediata la risposta del granata Alessi (al 18’). Il suo sinistro risulta comunque centrale e il portiere Bremec lo disinnesca senza difficoltà. Al 19’ bella trama degli ospiti: Scarpa si invola sulla sinistra e crossa, Innocenti fa sponda per l’accorrente Rajcic. Il croato scarica un fendente che viene respinto dall’estremo granata Tomasing. L’azione non è finita perché la sfera viene raccolta da Di Roberto, che però si fa rimpallare la conclusione dai difensori avversari. I cambi di fronte sono costanti: al 20’ il destro del reggiano Temellin, da ottima posizione, termina alle stelle. A ridosso della mezzora

invece è Rossi, dopo avere sfruttato un velo di Alessi, a scoccare un destro teso dal limite che sorvola il montante. Brivido per gli uomini di Dellisanti al 36’: Romizi calcia una punizione dalla trequarti avversaria imbeccando la testa di Maschio, che colpisce facendo carambolare la palla sul palo a Bremec battuto. Si risvegliano i pugliesi al 40’: Scarpa calcia una punizione in area, Prosperi raccoglie e in girata di sinistro impegna Tomasing. Un minuto più tardi altra ghiotta occasione per i pugliesi: Di Roberto dalla destra scodella in mezzo, Innocenti manca il tap-in vincente, mentre Corona arriva con un istante di ritardo e conclude sull’esterno della rete graziando Tomasing. L dal limite di Innocenti. La prima frazione termina senza altre emozioni. Nella ripresa subito aggressivi i rossoblu: al 5’ tiro dalla distanza di Giorgino, maTomasig para con sicurezza. Al 10’ prima sostituzione dell’incontro: il tecnico Dellisanti avvicenda Innocenti con l’esordiente (in maglia rossoblu) Ferraro. Sono gli emiliani però a rendersi pericolosi (al 11’) con il tiro-cross di Rossi che viene smanacciato da Bremec, che anticipa Temellin. Al 18’ saetta mancina di Scarpa dai venti metri, Tomasing si oppone in due tempi e smanaccia in angolo anticipando Ferraro. Seconda sostituzione in casa tarantina al 21’: entra Bolzan, esce Di Roberto. Conseguente il riposizionamento di Scarpa a destra con il neo entrato sulla fascia opposta. La Reggiana insiste al 28’: Romizi la mette in mezzo dalla destra per l’inzuccata di Rossi, che trova pronto

all’intervento Bremec. Primo cambio tra le file granata al 30’: D’Alessandro prende il posto di Romizi. Clamorosa occasione per la Reggiana al 40’: Alessi batte un corner per il destro di Viapiana, che incontra sulla sua traiettoria la girata di Zini che impegna il portiere tarantino. Ultima sostituzione per gli jonici al 42’: Cortese prende il posto dell’infortunato (e stremato) Corona. Al  8’ match-point dilapidato dal Taranto: azione insistita di Rajcic che innesca Ferraro. Sventola centrale dell’attaccante messinese che il portiere reggiano respinge con qualche impaccio. Dopo cinque m decreta la fine dell’incontro con i ventidue in campo boccheggianti per il notevole dispendio di energie. 

REGGIANA: Tomasing; Girelli, Zini, Stefani, Mei; Romizi (30’ s.t. D’Alessandro), Viapiana, Maschio; Alessi; Rossi, Temellin. A disposizione: Manfredini, Gualandri, Bovi, Castiglia, Ferrari, Guerra. All. Dominissini

TARANTO: Bremec; Calori, Prosperi, Migliaccio, Colombini; Di Roberto (21’s.t. Bolzan), Rajcic, Giorgino, Scarpa; Corona (42’ s.t. Cortese), Innocenti (10’ s.t. Ferraro). A disposizione: Barasso, Panarelli, Imparato, Cuneaz. All. Dellisanti

Arbitro: Baratta di Salerno

Ammoniti: Zini, Stefani per la Reggiana; Giorgino, Scarpa per il Taranto

Angoli: 4-3 per la Reggiana

Spettatori: 3.500 ca. (1.000 ospiti) 

Enrico Losito www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film