Connect with us
Sergio Mutolo

Pubblicato

il

Capello Fabio Capello è un emigrato di lusso. Allena la Nazionale inglese e vive a Londra. Ha vestito per un giorno i panni di docente all’Università di Parma, intrattenendo gli allievi del master in organizzazione dello sport e dello spettacolo sportivo. Capello è stato chiamato per analizzare le differenze fra tre realtà calcistiche da lui ben conosciute: Italia, Spagna e Inghilterra. Un confronto che vede il nostro paese irrimediabilmente battuto su tutti i campi. L’analisi del tecnico friuliano sui tanti (troppi) mali che affliggono il calcio italiano è impietosa in materia di organizzazione. Stadi. Merchandising. Ordine pubblico. Strapotere della moviola. Calcio italiano sulla pay tv. Perdita di appeal. Cosa fare? La malattia secondo Capello è curabile. Servono il ripsetto delle leggi vigenti. Occorrono provvedimenti urgenti. Sono fondamentali, soprattutto, gli stadi multifunzionali di proprietà dei club.

Stadi. Gli impianti italiani sono fatiscenti e non sono di proprietà dei club. Ormai lo stadio multifunzionale è diventato una necessità. In Inghilterra ce l’hanno tutti, anche i club della terza serie nazionale (la nostra Prima Divisione di Lega Pro). In Italia, invece, ci si arena sempre sui soliti problemi burocratici. Ai politici bisognerebbe avere il coraggio di dire: ce le date o no le licenza per costruirli questi stadi?

Merchandising. In Italia i ricavi attinti da questo settore semplicemente non esistono. Fuori da San Siro si possono trovare migliaia di maglie taroccate, nonostante la legge ne proibisca la vendita. Così si supera qualsiasi decenza. Anche in questo caso le leggi ci sono, ma non vengono applicate.

Ordine pubblico. In Italia non si applicano le leggi. Avevano detto che erano severamente vietati petardi, striscioni, lanci di oggetti. Invece vedo che tutto continua e nessuno punisce seriamente i colpevoli. Per giunta gli ultrà diventano protagonisti grazie alle riprese tv, che inquadrano ogni striscione volgare, ogni impresa negativa. Alla faccia del diritto di cronaca, dico che se non si inquadrassero certe brutte cose magari la situazione migliorerebbe. Certe frange si spettatori non hanno cultura sportiva e vogliono essere protagonisti in negativo. Non devo fare altro che ripetere le stesse cose che ho già detto e per cui sono stato già ampiamente criticato. Non ho cambiato idea e non mi interessa se purtroppo ho avuto ragione.

Lo strapotere della moviola. Lo strapotere della tv e della moviola, lo strumento principale di tutte le trasmissioni che si occupano di calcio, è un dato di fatto. La moviola, però, ormai serve solo a eccitare gli animi.

Il calcio italiano visto sulla pay tv. Il calcio italiano perde progressivamente valore. Il pubblico televisivo di tutto il mondo vede stadi scomodi e mezzi vuoti. Vede spesso incidenti. Giorni fa a Varsavia, prima del sorteggio per gli Europei del 2012, due diversi allenatori mi hanno chiesto: “Fabio, ma come mai nelle partite del campionato italiano vediamo stadi mezzi vuoti?”. Ecco, all’estero si stanno accorgendo del declino dell’Italia, ed è un brutto segnale. Lentamente il campionato di serie A sta perdendo il suo valore, anche dal punto di vista commerciale. Non è una buona cosa per le pay tv.

Il fascino del calcio italiano. Il calcio italiano sta perdendo progressivamente il suo fascino. Ormai i giocatori preferiscono andare in Inghilterra nella Premier League o in Spagna nella Liga. E non dipende dagli ingaggi, che all’estero non sono tanto più alti che in Italia. E’ questione di appeal, di fascino che viene meno.

Cosa fare? Bisognerebbe fare qualcosa per invertire la situazione. Invece in Italia tutti fanno gli struzzi. Come si potrebbe migliorare? Con la volontà condivisa, da parte di tutti, che bisogna cambiare. Perché così non si può andare avanti. E tutti dovrebbero andare nella stessa direzione, non che al Nord si fa una cosa e al Sud un’altra. Ma per ora in Italia non succede niente.

So. Gian. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 giorni fa

Serie A Femminile, i settori giovanili come plusvalore

La transizione della Serie A Calcio Femminile dallo status dilettantistico a quello professionistico, che si concretizzerà al termine della prossima...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Calcio Femminile, nuovi orizzonti per nuove prospettive

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il lontano 22 agosto 2020. La...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Femminile, tutto il bello della domenica

Il calcio era entrato in crisi molto prima della pandemia. Veniva fatto correre a rotta di collo lasciando pochissimo spazio...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di “mission” e nuovo corso

La transizione verso il professionismo della Serie A Femminile – fortemente voluta dal presidente della Figc Gabriele Gravina e sostenuta...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, ad aprile si è giocato solo una volta!

Calciopress, con due successive riflessioni, ha sottolineato l’incredibile durata del campionato di Serie A Femminile stagione 2020-21 >>> LEGGI: “Serie...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A Femminile e l’ossigeno della “meglio gioventù”

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili>>>“Serie A Femminile  e ruolo dei...

Opinioni3 settimane fa

Alla Serie A Femminile serve un professionismo di sostanza

Nei mezzi di comunicazione di massa più influenti le notizie sono ridotte ai minimi termini. Stiamo parlando del campionato di...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film