Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Cavese-Taranto La Cavese sta bene. Lo dimostrano gli ultimi risultati ma te ne accorgi ad ogni allenamento, guardando in faccia i calciatori. E poi, naturalmente, dalle parole del tecnico. La Cavese si sta preparando alla trasferta di Ravenna, ma sembra di essere in ritiro precampionato.

I ragazzi si allenano con voglia, grinta e sacrificio e risulta difficile intravedere musi lunghi: il lusinghiero cammino del girone di ritorno sta incidendo fortemente sull’umore dello spogliatoio, a tutto vantaggio del lavoro. Subito dopo la vittoria sul Rimini (valsa l’en plein nella doppia casalinga) Paolo Stringara aveva ben accolto i sei punti su sei, non solo per la classifica, ma soprattutto per l’entusiasmo che avrebbe fatto da carburante nelle due settimane senza gare ufficiali. La Cavese ha lavorato tanto. Lo staff tecnico ha stilato un programma di carico importante, di quelli che, per l’appunto, si svolgono in ritiro. Tanto fondo e tanto lavoro sulla forza, cose che affaticano corpo e mente. Guardando, però, i calciatori esibirsi nella partitella a campo ridotto salta agli occhi la brillantezza che non ha lasciato il posto alla fatica.

Stringara è visibilmente soddisfatto dello stato della squadra. Ma non si accontenta. Due ore di palestra, poi un’ora e mezza con la palla, sotto la pioggia battente; lui è lì, in mezzo ai suoi ragazzi, a spronarli, riprenderli, correggerli e al termine dell’allenamento si concede, fradicio come una spugna, senza problemi ai taccuini. «Stiamo bene – esordisce il tecnico -, i ragazzi stanno lavorando al massimo e queste due settimane ci sono servite a mettere carburante che tornerà utile nel lungo periodo. In più cominciamo a essere una squadra vera, con tante alternative». E infatti alla ciurma s’è appena unito il gioiellino partenopeo Lorenzo Insigne, arrivato al termine del Torneo di Viareggio. Il ragazzino può rappresentare un’alternativa tattica oltre che sostituire i vari Schetter e Bernardo. «Sicuramente possiamo variare anche modulo, con Insigne dietro due punte, poi dipenderà anche dall’avversario. L’ho detto, abbiamo finalmente delle alternative. Lorenzo è molto bravo tecnicamente, molto rapido e ci darà una grossa mano in avanti».

La notizia vera e propria è che non ci sono indisponibili. Carbonaro, Di Stani e Schetter si allenano a pieno regime e domenica saranno tutti a disposizione. Poi ci sono i numeri, che vedono la Cavese seconda solo al Verona per punti conquistati nel girone di ritorno, con una media da play-off. La classifica corta davanti fa pensare in grande ma basta guardarsi alle spalle per accorgersi dei soli due punti che dividono la Cavese dalla zona play-out. Sognare è lecito ma chiudere il campionato il 9 maggio è l’obiettivo da non fallire. L’unico ben fisso nella mente del tecnico e della squadra. E il cammino è ancora lungo.

Davide Lamberti www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film