Connect with us

Pubblicato

il

Torino_Colantuono La Salernitana che non ti aspetti è quella che all’Olimpico batte il Torino per 3-2 dopo 90 minuti in cui è accaduto di tutto. Gara vietata non solo ai tifosi della Salernitana rimasti a casa davanti alla tv, ma anche ai cardiopatic. Cinque gol totali, quattro espulsi e un risultato a sorpresa che ha fatto felici soprattutto gli scommettitori. Per la Salernitana in classifica non cambia granchè. I granata campani restano ultimi, ma tornano al successo in trasferta dopo nove mesi di astinenza. Ad Ascoli, nel maggio dello scorso anno, l’ultima vittoria lontano dall’ Arechi con una doppietta di Massimo Ganci.

Ebbene, i granata di Salerno hanno giocato contro tutto, anche contro i pronostici (101 quotata la vittoria alla Snai) e hanno vinto. Gol ed emozioni a Torino. Ad aprire le danze sono i padroni di casa che passano in vantaggio all’ 8’ grazie ad uno svarione difensivo di Soligo che sbaglia il rinvio e consente a Barusso di tirare a rete a botta sicura. Polito, incolpevole nella circostanza, è battuto. Palla a centro e replica della Salernitana che pareggia i conti un minuto piu’ tardi. Merino vede e serve Dionisi, l’attaccante granata invitato a nozze supera Morello. Alla mezz’ora si fa male Balestri, entra Russo che va a sistemarsi sull’out mancino della difesa. I granata macinano chilometri e occasioni. Al 40’ arriva il gol del 2-1 per la Salernitana. Segna Kyriazis su azione insistita sull’asse Cozza-Montervino. Nel finale il forcing del Torino che colpisce il palo su conclusione di Bianchi.

L’intervallo giova alla Salernitana che rientra sul rettangolo verde motivatissima. Nei primi cinque minuti del secondo tempo, la Salernitana ha tre occasioni tre per poter mettere la parola fine alla gara. 3’ il tiro cross di Dionisi non inquadra lo specchio della porta. 4’ Dionisi, sempre lui, solo davanti a Morello si fa ipnotizzare e gli scaraventa addosso la sfera. 5’ incredibile Cozza. Sbaglia un appoggio facile facile solo davanti al portiere. Respira il Torino, nervosi i piemontesi che non si aspettavano la veemente reazione della cenerentola Salernitana. Ci crede Scaglia all’11’ ma è attento Polito a chiudergli lo specchio della porta. Ma a passare di nuovo è ancora la Salernitana. 14’ Dionisi sigla la doppietta personale. Si trova davanti a Morello e stavolta non ce n’è per nessuno.

Poi sale in cattedra l’arbitro. Discutibile la direzione di gara di Stefanini di Prato che ci ha messo del suo per complicare la vita alla Salernitana. Al 21’ la giacchetta nera si inventa un calcio di rigore per un innocuo contatto tra Bastrini e Bianchi. Espulso il difensore della Salernitana e penalty per i piemontesi. Dal dischetto Polito si traveste da superman e para su Bianchi. Accorcia le distanze il Toro al 34’ sulla concessione di un altro calcio di rigore per una spinta in area di Montervino sempre su Bianchi. Batte lo stesso giocatore, nulla da fare stavolta per Polito. Si chiude con una serie di espulsioni. Dopo Bastrini finiscono anzitempo negli spogliatoi Grassadonia e Montervino per la Salernitana, Zoboli per il Torino. Al triplice fischio esplode la contestazione dei tifosi del Toro mentre i calciatori della Salernitana raggiungono i tifosi granata del Nord presenti in Tribuna. Rispediti al mittente. Il messaggio è chiaro. Il feeling non si ricuce con una vittoria.

Carla Polverino – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali7 giorni fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film