Connect with us

Pubblicato

il

Taranto_Pescina Bastano le reti di Prosperi nel primo tempo e Corona nella ripresa per sbrigare la pratica Pescina. I rossoblu “soffrono” soltanto nei primi dieci minuti di gara, quando i marsicani, scesi in riva allo Jonio per limitare i danni, chiudono tutti gli spazi ai ragazzi di Dellisanti. Di fatto la rete realizzata dal difensore jonico sconvolge i piani del tecnico abruzzese Capellacci, infatti solo in rarissime circostanze i biancoverdi sono riusciti ad affacciarsi dalle parti del portiere Bremec. Il raddoppio di Corona legittima la vittoria del Taranto, che può guardare con moderato ottimismo ai prossimi impegni.

Schieramenti. Mister Dellisanti modula i suoi con il classico 4-4-2: in difesa si registra il rientro di Bolzan (il sacrificato è Colombini) sull’out mancino, a centrocampo Crovetto sulla sinistra e Rajcic nel ruolo d’interno avvicendano rispettivamente Scarpa e Giorgino, entrambi appiedati dal giudice sportivo. Sempre in mediana ritorna Coppola; invece in avanti si registra l’esordio dal primo minuto di Ferraro, che agisce in coppia con Corona. Sull’altro fronte il tecnico Cappellacci, vessato dalle assenze degli infortunati Dell’Acqua, Suriano, Pomponi e Cipolla (oltre allo squalificato De Angelis),  schiera la sua squadra con un guardingo 4-5-1: a centrocampo Bettega sostituisce lo stesso De Angelis, mentre in avanti l’unica punta Bettini viene supportata sugli esterni da  Capparella e Rebecchi.

Cronaca. Dopo le scaramucce iniziali, sono i rossoblu a creare il primo pericolo (al 4′) grazie alla “solita” punizione mancina di Bolzan che sibila sul montante. Clamorosa occasione per gli jonici al 12′: Rajcic lancia in corridoio Ferraro, l’attaccante si incunea tra le maglie difensive avversarie, ma scarica addosso al portiere Bifulco in disperata uscita. Un minuto più tardi, invece, il destro di Corona  si spegne al lato. Al 28′ il Taranto passa in vantaggio: Crovetto batte un angolo, la sfera giunge a centro area, dove Migliaccio colpisce di testa, Ferraro non ci arriva, ma è pronto Prosperi per il tap-in vincente. Gli uomini di Dellisanti cercano subito il raddoppio: al ’29’  su cross di Corona c’è l’inzuccata di Di Roberto con Birindelli che salva sulla linea di porta. Sullo sviluppo successivo dell’azione, Ferraro impegna di testa l’estremo difensore avversario. Il Pescina risponde agli assalti dei pugliesi al 33′: la punizione di  Capparella, però, viene sventata in due tempi da Bremec. Non accade più nullafino al termine della frazione. In apertura di ripresa (al 2′) gli ospiti sfiorano il pareggio: Bettini lancia in profondità Capparella, il quale scarica un diagonale che finisce di poco al lato. E’ tempo per le prime sostituzioni della gara. Nelle fila tarantine Quadri avvicenda Rajcic al 6′, mentre al 12′ Russo sostituisce Crovetto. Proprio il neo entrato Russo (al 13′) manca il raddoppio: Coppola dalla destra scodella al centro, Quadri fa velo per il piatto destro del giovane tarantino con la palla che lambisce il palo. Al 21′ prima sostituzione anche in casa abruzzese: Cesar sostituisce l’infortunato Birindelli. Il modulo muta in 4-3-3. Al 23′ ci prova Quadri dalla distanza, ma Bifulco blocca senza difficoltà. Al 26′ ultimo cambio in casa rossoblu: entra Colombini, esce Ferraro. Gli jonici risistemano la catena mancina: il neo entrato si sistema sulla linea dei difensori con il consequenziale avanzamento di Bolzan a centrocampo. In attacco Russo va ad affiancare Corona. Ultime sostituzioni ianche in casa marsicana: al 29′ Negro e Caccavallo sostituiscono rispettivamente Ferraresi e Rebecchi. Alla mezzora fallo di mano (su tiro di Di Roberto) di un difensore in area abruzzese  su tiro di Di Roberto, ma l’arbitro lascia correre. Al 31′ Corona si libera bene in area biancoverde e scarica un violento sinistro che incontra le mani di Bifulco. Tenta una reazione il Pescina: al 33′ il siluro di Negro termina fuori. Al 39′ Corona in ripartenza chiude i conti. Re Giorgio si invola sulla sinistra, converge al centro  e scarica un violento diagonale sinistro che si insacca sotto l’incrocio. Al 42′ i tarantini cercano di triplicare: il sinistro dal limite di Di Roberto, però, viene respinto con difficoltà da Bifulco, poi la difesa abruzzese completa il disimpegno. L’ultimo tiro dell’incontro è scagliato da Coppola, che dal limite scaglia un forte destro che termina sul fondo. Al quarto minuto di recupero l’arbitro decreta la  fine della gara, gli jonici possono festeggiare.  

TARANTO (4-4-2): Bremec; Calori, Migliaccio, Prosperi, Bolzan; Di Roberto, Coppola, Rajcic (6′ s.t. Quadri), Crovetto (12′ s.t. Russo), Corona, Ferraro(26’s.t.Colombini). A disposizione: Barasso, Panarelli, Taulo, Innocenti. All. Dellisanti 

PESCINA VDG (4-5-1):Bifulco;Locatelli,Molinari,Petitto,Birindelli (21′ s.t.Cesar);Capparella, Ferraresi (29’s.t. Negro), Bettega, Giordano, Rebecchi (29′ s.t. Caccavallo); Bettini.  A disposizione: Merletti, N’ Ze, Di Bella, Choutos. All. Cappellacci

Arbitro: Borriello di Mantova ( ass.ti: Pentangelo di Nocera Inferiore – Mertino di Torre Annunziata)

Marcatori: 28′ p.t. Prosperi (T), 39′ s.t. Corona

Ammoniti: Rajcic, Migliaccio, Calori per il Taranto; Birindelli, Ferraresi, Caccavallo per Pescina

Angoli: 5-0 per il Taranto

Spettatori: 6.000 ca. (presente in tribuna una sparuta rappresenta di tifosi ospiti). 

Enrico Losito – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film