Connect with us

Pubblicato

il

2009_Pescara_Delfino Sempre più probabile il cambio al vertice della società calcistica pescarese. Il progetto prevedrebbe dieci soci con il dieci per cento cadauno e quindi andrebbero ridistribuite le quote del patron Giuseppe Adolfo De Cecco e assegnate quelle della ex presidentessa Deborah Caldora liquidata in malo modo per le scelte e le pressioni di Daniele Sebastiani che ha portato a termine un nuovo repulisti interno e l’ultima a farne le spese la segretaria, da oltre diciannove anni, Marisa che avrebbe, però, ricevuto promesse di aiuto concreto per un nuovo lavoro dall’ex presidente Pietro Scibilia!

Nel nuovo progetto ci sarebbe un ridimensionamento di Lucchesi che avrebbe solo l’incarico della gestione interna organizzativa e lascerebbe il ”mercato” ad un direttore sportivo che verrebbe scelto a fine campionato. Deluso per come stanno andando le cose, il patron De Cecco fa sentire ogni tanto la sua voce ma la corrente più forte, all’interno, sembra quella capitanata da Daniele Sebastiani che non fa nulla per nascondere le sue mire forte com’è dell’appoggio di altri soci suoi ”amici” dall’inizio dell’avventura e della sua capacità di gestire il quotidiano ”mentre gli altri soci, pur apprezzabili sul piano generale, sono inesperti, a suo dire, sul piano gestionale, ancorché abili imprenditori sul piano generale.”

Tra i nuovi soci dovrebbe esserci Angelo Renzetti che non nasconde il suo interesse e va tessendo rapporti con gli altri soci attualmente in carica. Insomma, a dirla in breve, c’è molta fibrillazione all’interno della società mentre la squadra trova difficoltà ad esprimere appieno le sue potenzialità e evidenzia sempre di più gli errori di impostazione, sia nel mercato estivo e sia in quello invernale, di Lucchesi.

Gianni Lussoso – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali5 ore fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato1 mese fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi