Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

taranto-foggia10 Gli jonici non riescono a conquistare la vittoria, malgrado il Foggia (nella foto: una fase della gara) sia stato preso a pallonate per tutto l’arco della prima frazione di gioco. Il mezzo passo falso interno deve condurre obbligatoriamente ad alcune riflessioni. Sotto la lente d’ingrandimento andranno esaminate: la gestione delle energie psicofisiche e degli uomini utilizzati (trattiamo l’argomento più avanti ndr). Nella gara di domenica scorsa per esempio anche Dellisanti ha commesso degli errori, tra l’altro ammessi nel dopo gara dallo stesso tecnico con onestà intellettuale. Adesso i rossoblu sono attesi dall’insidiosa trasferta di Potenza. Probabilmente uno dei peggiori avversari da affrontare in questa fase del torneo, in quanto i lucani sono reduci dalla vittoria di Cosenza e dall’ottimo pareggio colto di recente in casa del Verona. Da non sottovalutare anche l’aspetto legato alla cabala, infatti i rossoblu ritroveranno l’ex tecnico rossoblu Capuano, che rappresenta un autentico spauracchio per il Taranto. Intanto la squadra tornerà ad allenarsi nel pomeriggio di martedì allo Iacovone, ma a porte rigorosamente chiuse. Questo secondo il comunicato diramato dalla Taranto Sport nella giornata di lunedì. Nella stessa nota stampa si precisa che sono stati annullati tutti gli incontri settimanali dei tesserati con gli organi d’informazione. A tale decisione si è giunti per espressa richiesta del tecnico Dellisanti, che in questo modo vuole mantenere alta la concentrazione del gruppo. Insomma la parola al campo.

Confusione e gestione. Nel secondo tempo del derby l’ansia del risultato ha imballato le gambe dei ragazzi di Dellisanti. L’assunto è vero solo in parte, perchè Corona e compagni avevano già speso tantissime energie nella prima parte dell’incontro. Magari, per il futuro, un gestione più oculata delle energie sarebbe consigliabile, visto che il Taranto cala di sovente nei secondi 45 minuti. A questo bisogna aggiungere la confusione generata nella riprea da qualche cambio discutibile (vedi Russo per Cuneaz) ed un modulo  (4-2-4) eccessivamente sbilanciato in avanti. Il risultato? Tanta confusione e palle lunghe a cercare fortuna in attacco.

Quando si segna? Senza esagerazioni la batteria offensiva degli jonici è tra le  meglio armate della categoria, almeno sulla carta. Però la mancanza di cinismo e cattiveria sotto porta, imprecisione, sfortuna ed anche penuria di rifornimenti stanno condizionando pesantemente il rendimento dell’attacco tarantino, che resta tra i più stitici della categoria. Di converso, invece, la difesa resta tra le meno battute della categoria. Un dato incoraggiante dal quale ripartire.

Eppur si in…Cuneaz. L’ex-Mantova è stato uno dei elementi più positivi  tra i rossoblu contro il Foggia. Titolare per caso a causa dell’improvviso forfait di Di Roberto, colpito da un attacco febbrile. Il giovane esterno è uno dei pochi elementi in organico che riesce a crossare dal fondo, senza dimenticare una buona attitudine alla conclusione a rete. Di certo una freccia importante nella faretra di Dellisanti, sopratutto alla luce del rendimento discontinuo dei “funanboli” Di Roberto e Scarpa. 

Enrico Losito www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film