Connect with us

Pubblicato

il

Bayern_Robben(CALCIOPRESS) – Serata gelida a Firenze, ma la temperatura sale già quando i giocatori scendono in campo per il riscaldamento. Un Franchi vestito a festa, per quella che da tutti è considerata la partita dell’anno. I quarantamila tifosi viola hanno sfidato le intemperie di una giornata particolarmente turbolenta sotto il profilo meteorologico ma, fieri dei propri vessilli, non hanno voluto mancare all’appuntamento con la storia.

Le squadre entrano in campo e l’inno della Champions League contribuisce a far salire l’adrenalina. Si comincia, il forte vento influenza le giocate delle due squadre che, dopo alcuni minuti di studio, iniziano ad affrontarsi. Appare più determinata la squadra toscana, con il Bayern che cerca di allargare la difesa gigliata con cambi di gioco continui. Fatto sta che la Fiorentina ci crede e prema grazie al favore di vento. Questa condizione invoglia i giocatori viola a cercare anche la soluzione da lontano. E’ proprio su una di queste, tentata da Marchionni e mal respinta dal portiere tedesco, che la Fiorentina passa in vantaggio con Vargas. Esplode il Franchi. Il Bayern tenta di reagire ma uno strepitoso Frey dice no alla botta a colpo sicuro di Robben. La Fiorentina, passata la paura, tiene botta e torna negli spogliatoi in vantaggio di una rete. Un tripudio accompagna i giocatori verso il riposo.

Inizia la ripresa, il pubblico è in festa. Ti aspetti l’arrembaggio dei tedesch, invece passano appena otto minuti e la Fiorentina raddoppia con Jovetic che frutta una splendida sponda di Gilardino partito in sospetta posizione di fuorigioco (della serie chi di spada ferisce di spada perisce). Partita chiusa? No, la gara inizia proprio ora. E’ il 15’ quando Van Bommel riduce le distanze. Perfetta parità tra le due squadre, rispetto al doppio confronto. Una parità che dura poco perché ancora Gilardino lancia Jovetic che batte Butt da due passi.

L’urlo di gioia dei tifosi della Fiorentina è fortissimo. I giocatori si stringono in un abbraccio interminabile. Sale la temperatura in una gara che sembra infuocarsi. Il Bayern non ci sta e spinge sull’accelleratore. Al 20’ disattenzione fatale della linea difensiva viola. Robben prende palla, si accentra senza che nessuno della Fiorentina esca su palla scoperta. Il giocatore del Bayern carica un sinistro imprendibile per Frey. La palla si infila sotto il sette alla destra del portierone francese.

Un destro al mento che i sostenitorii viola riescono ad assorbire con difficoltà. Traballano i tifosi, ma continuano a incitare la squadra con ancora maggiore intensità. Ci prova ancora la Fiorentina. Le tenta tutte, ma salgono in cattedra Robben e Ribery che tengono sempre in aprrensione la retroguardia viola.

Finisce così, con una vittoria inutile, l’avventura della Fiorentina in Champions League. Adesso si apre il processo su quello che poteva essere e non è stato. La Fiorentina esce a testa alta dalla massima competizione europea. Certo il rammarico è tanto per quanto di buono era stato costruito. Un vero peccato. La disgraziata direzione di Ovrebo nella gara di andata, per come sono stati chiusi i giochi, non potrà essere facilmente dimenticata. 

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali12 ore fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali3 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato1 mese fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi