Connect with us

Pubblicato

il

Pescara_esultanza Con un acuto di Dettori il Pescara fa suo il match contro la Spal, conquistando tre punti pesanti per la classifica. Il Pescara, che si attesta in terza posizione, è atteso adesso da una trasferta difficile in casa del Taranto.

Schieramenti. Mister Di Francesco riconferma la stessa formazione di Ravenna, con l’unica novità rappresentata in difesa dal rientro di capitan Olivi al posto di Sembroni. Fiducia al modulo 4-4-2 con Pinna tra i pali, linea difensiva composta da Zanon e Petterini terzini, i centrali sono Mengoni ed Olivi. Sulla metà campo agiscono Coletti e Tognozzi mediani, mentre Soddimo e Dettori sono gli esterni. L’attacco è affidato al duo Sansovini-Inglese. La Spal è priva degli infortunati Gaspari, Meloni, Laurenti e Schiavon. Gli emiliani rispondono con il classico 4-4-2: Capecchi in porta, difesa formata da Cabeccia e Smit out difensivi, mentre la coppia centrale è composta da Zamboni e Ghetti (che rientra dalla squalifica). I quattro di centrocampo sono Bedin e Migliorini mediani, Quintavalla e Valtulina esterni. L’attacco con sul duo Bazzani-Cipriani.

Primo tempo. Subito pericolosa la Spal al 4′ sull’asse Valtulina-Cipriani: il primo crossa teso dalla sinistra per il secondo che di punta impegna sul primo palo il portiere Pinna. Risponde subito il Pescara al 6′ con una grande occasione di Sansovini a due passi dalla porta spallina, da posizione defilata su azione di calcio d’angolo: la conclusione in mischia è deviata in corner da un avversario.nCinque minuti più tardi il Pescara a sorpresa passa in vantaggio con Dettori. Azione iniziata con un tiro dalla distanza da parte di Coletti, malamente respinto dal portiere Capecchi sui piedi dell’accorrente Dettori che deposita sul primo palo. Al 13′ risponde la Spal con una palla gol di Cipriani partito sul filo del fuorigioco per via centrale: Pinna però è bravissimo a respingere la palla lanciandosi ai piedi dell’attaccante della Spal. Al 26′ l’arbitro Pasqua di Tivoli annulla un gol alla Spal per fallo di mano di Cipriani che prova a fare il furbo saltando il portiere Pinna in uscita. Il Pescara preme sull’acceleratore e ci prova al 31′ con Sansovini che tira dalla distanza su servizio di Soddimo: stop di petto e staffilata dai 25 metri, ma la palla è alta sulla traversa di Capecchi. 32′ Buona palla al centro dell’area scodellata con forza da Inglese: il tiro cross arriva a Sansovini che non riesce a deviare la sfera in modo da impensierire Capecchi che blocca il pallone. Al 36′ bel gesto tecnico di Sansovini che, in area spallina, raccoglie al volo un cross dalla destra da parte di Zanon e con un sinistro pregevole al volo coglie la parte superiore della porta di Capecchi. Buona occasione per i biancazzurri. Tre minuti più tardi Dettori vicino al raddoppio con una bella conclusione da posizione decentrata sul primo palo: buona la respinta del portiere ospite in calcio d’angolo. Allo scadere del primo tempo al 45′ applausi per Sansovini autore di una pregevole giocata fermata dall’arbitro: un tiro a giro dal limite dell’area che sfiora il montante alla destra di Capecchi, ma per il fischietto di Tivoli è fuorigioco.

Secondo tempo. Nella ripresa il Pescara continua sulla stessa lunghezza d’onda ed al 1′ c’è un incredibile gol fallito da Sansovini che tira bene dal centro dell’area di rigore, ma il gesto del portiere Capecchi è superbo e nega la rete all’attaccante romano: la sfera, forte, bassa e diretta all’angolo più lontano, è deviata con un balzo felino. 3’t Pescara arrembante: Sansovini scende sulla sinistra e serve al centro Inglese che ci prova al volo, ma la palla passa a lato della porta spallina. La Spal reagisce al 7′ con Cabeccia che fa tremare la retroguardia adriatica liberandosi in area in posizione defilata e sparando a rete, ma la risposta di Pinna è favolosa: palla bloccata a terra. Tre minuti più tardi il Pescara reclama un rigore per presunto fallo di mano in area da parte di Ghetti che interviene su un’incursione di Zanon: l’arbitro lascia correre. 11′ ci prova Cipriani di testa a impensierire la difesa pescarese ma non trova la porta da ottima posizione: il Pescara si salva. Due minuti dopo in aerea di rigore scontro di gioco tra il portiere Pinna e l’attaccante Cipriani con il numero uno che rimane a terra per alcuni minuti. Il Pescara continua a pressare con l’intento di pervenire al raddoppio e chiudere l’incontro. Al 18′ Sansovini si procura e divora un’occasione clamorosa: l’attaccante in velocità supera tutti e arriva a tu per tu con il portiere Capecchi, ma la sua conclusione è debole e parata dall’estremo difensore in uscita. Al 22′ rigore negato al Pescara per fallo netto di Ghetti su Sansovini: cross dalla sinistra per l’attaccante che viene vistosamente strattonato in area, ma per l’arbitro non è successo nulla. Al 26’ si registra una doppia sostituzione: per il Pescara fuori Soddimo, entra Zappacosta; per la Spal esce Smit rilevato da Bortel. Seconda sostituzione per la Spal al 31’ st fuori Valtulina al suo posto subentra Marongiu; pochi minuti più tardi è il Pescara ad operare il secondo cambio fuori il giovane Inglese rilevato da Ganci. Al 42’ nella Spal entra Rossi al posto di Cabeccia, un minuto dopo è il Pescara a richiamare un ottimo Sansovini per Sembroni. Dall’arbitro Pasqua di Tivoli, vengono segnalati sei minuti di recupero ed al 49′ c’è un  brivido per il Pescara a causa di una conclusione di Zamboni bloccata da Pinna. Al 50′ gran conclusione di Ganci al volo su passaggio basso di Zappacosta: la palla, scaraventata con violenza, è alta di poco sulla traversa spallina. 

Sala stampa. Soddisfazione in casa pescarese, rammarico invece per gli emiliani. Il primo ad accedere in sala stampa è l’allenatore della Spal, Notaristefano: “Non abbiamo disputato una buona gara, siamo stati meno compatti rispetto alle altre volte. Eravamo un po’ scollati e andavamo sempre dietro a loro che sono stati molto bravi con gli esterni. Non siamo stati bravi a ribattere; è stata una giornata negativa, quella di oggi e ci può stare”. Per il Pescara mister Di Francesco: “E’ stata una bella partita quella di oggi, secondo me era da chiudere già nel primo tempo, siamo stati molto bravi con la difesa a rimanere alti. Sul ruolo di Dettori in qualità di esterno posso dirvi che riesce ad esprimersi nel migliore dei modi; Petterini è in ottima condizione fisica e anche il giovane Inglese ha disputato un ottima partita”. 

Pescara (4-4-2): Pinna, Zanon, Petterini, Coletti, Mengoni, Olivi, Soddimo (dal 26’st Zappacosta), Tognozzi, Sansovini (dal 43’st Sembroni), Dettori, Inglese (dal 32’st Ganci). A disp: Bartoletti, Vitale, Zizzari, Carboni. All. Di Francesco

Spal (4-4-2): Capecchi, Cabeccia (dal 41’st Rossi), Smit (dal 26’st Bortel), Bedin, Zamboni, Ghetti, Quintavalla, Migliorini, Bazzani, Valtulina (dal 30’st Marongiu) Cipriani. A disp: Ioime, Licata, Lorenzi, Pedruzzi. All. Notaristefano

Arbitro: Pasqua di Tivoli (Assistenti: Caroti, Veccia)

Reti: 10’ pt Dettori

Ammoniti: Sansovini, Soddimo ( P ), Cipriani ( S )

Angoli: 6 Pescara, 7 Spal 

Rita Consorte www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film