Connect with us

Pubblicato

il

Inter_mourinho_01(CALCIOPRESS) – Criticato, amato solo dal suo popolo, odiato dalle penne nostrane, Mourinho in un colpo solo batte tutti e mette a tacere quanti avevano visto di cattivo auspicio l’esclusione di Balotelli ed erano rimasti allibiti dalla formazione iniziale con cui lo Special One si era presentato allo Stamford Bridge. Alla presentazione delle liste in molti avevano storto il naso, valutando il tridente un azzardo eccessivo per una gara che si prevedeva ostica per i colori nerazzurri. Mourinho ha forse avuto il solo torto di non comprendere che in Italia il calcio lo si intende diversamente, da anni.

La regola del catenaccio, del coprirsi e mantenere il risultato ad ogni costo che ha fatto le fortune passate delle squadre italiane, non ha più motivo di esistere e non lo avrebbe già da tempo. Il tecnico portoghese, con i suoi modi a volte discutibili ma sempre diretti e leali, ha sbalordito tutti (forse anche lo stesso Ancelotti) inserendo sin dall’inizio tre attaccanti che per caratteristiche hanno saputo mettersi a disposizione della squadra, risultando i primi difensori in fase di non possesso.

Eto’o e Pandev, ma anche lo stesso Milito, hanno interpretato la doppia fase come meglio non si poteva fare. Ma il capolavoro lo hanno compiuto andando a coprire per primi l’inizio della manovra degli uomini di Ancelotti. E’ vero, questo ha fatto si che davanti alla porta avversaria arrivassero non lucidi, sbagliando clamorosamente in un paio di occasioni. Errori impensabili per questi campioni, ma è bastato un acuto di Etò’o per concretizzare quanto di buono l’Inter è riuscita a costruire.

Il resto lo hanno fatto il reparto difensivo, pochissime le sbavature di Samuel e compagni. E poi il centrocampo, con Cambiasso a fare l’uomo ovunque e Sneijder a menare le danze su tutto il fronte centrale. Senza però nulla togliere a chi la gara l’ha vinta sudando in campo il grande merito va dato a Mourinho, che ha saputo leggere la partita nei minimi dettagli, proponendo una squadra sulla carta super offensiva, capace di chiudere tutti gli spazi e occupare il campo con intelligenza e spirito di sacrificio.

La squadra ha giocato da squadra vera, compatta e pronta ad aiutarsi in ogni frangente. Situazione questa che ha permesso all’Inter di espugnare uno splendido Stamford Bridge, sportivo fino in fondo con applausi per tutti. L’Italia calcistica alza la testa in Europa dopo le batoste, meritate e non, della settimana scorsa. Torna a respirare anche in previsione del sorpasso tedesco nel Ranking Uefa. Tutto questo grazie all’Inter ma, soprattutto, al suo allenatore. Poco simpatico, spesso ingombrante, ma vincente e convincente.

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali6 ore fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali3 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato1 mese fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi