Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Marcianise_Boccolini(CALCIOPRESS)Una Virtus imbarazzante cade per la sesta volta tra le mura amiche del Guido Biondi, per mano di una Real Marcianise (nella foto: la panchina) che indubbiamente oggi tutto sembrava tranne che una squadra che lotta per retrocedere, squadra con grinta e voglia di vincere e soprattutto con una condizione atletica sufficiente. La Virtus ha subito per tutto il match svegliandosi solo nel finale, regalando tutto il match agli ospiti lasciando davvero una pessima impressione sotto tutti i punti vista. Virtus mai in partita, che cade sotto i colpi di un ispiratissimo Romano, che trafigge Aridità da centrocampo e da Manco abile a sfruttare un buon triangolo con Galizia e complice una difesa rossonera degna riproduzione del presepe natalizio mette in ghiaccio la vittoria e tre punti che fanno morale e soprattutto classifica per la squadra di coach Montefusco.

Primo tempo. Partita che stenta a decollare, per registrare la prima emozione dobbiamo attendere il 10’p.t. quando sugli sviluppi di un corner battuto da Sansone, Colussi colpisce di testa a botta sicura a Fumagalli battuta salva di petto Romano. Al primo affondo ospite è subito rete, Romano porta palla a centrocampo, osserva l’estremo difensore rossonero fuori dalla porta all’altezza del dischetto del rigore, e lo beffa con un pallonetto ben calibrata, portando così il Real Marcianise va in vantaggio 0-1. Per la Virtus non c’è tempo neanche per riorganizzarsi che arriva il raddoppio triangolo tra Galizia e Manco con quest’ultimo che conclude tutto solo di fronte ad Aridità, beffandolo con un tiro che finisce sotto le gambe dell’estremo difensore rossonero ed è 2-0, difesa rossonera ai limiti dell’indecenza, tutti fermi ed immobili ad osservare il goal ospite. Mentre il pubblico inizia a farsi sentire, arriva un timido cenno di reazione dei padroni di casa, 28’ p.t.  Amenta appoggia di testa dal limite dell’area di rigore per Impronta che da due passi prova un improbabile rovesciata che finisce alta sopra la traversa. La partita scorre via nella noia più tremenda fino al 42’ p.t. quando gli ospiti in contropiede sempre  con il solito Romano vanno alla conclusione che termina larga a lato della porta di Aridità. Allo scadere del tempo, ci prova la Virtus, cross di Sansone per Amenta che tutto solo prova una sforbiciata con palla che finisce alta sopra la traversa. Il direttore di gara concede un minuto di recupero nel quale Colombaretti e Aridità trovano il tempo di regalare a Galizia un occasione per il tris ma il tiro dell’attaccante ospite non colpisce il bersaglio grosso, e la chance per gli ospiti se ne va. Questa è l’ultima emozione del primo tempo che si chiude con il Real Marcianise in vantaggio per 2-0. Ospiti concreti e vogliosi di far punti, Virtus brutta apparsa senza fiato e senza troppe idee, con una difesa davvero imbarazzante.

Secondo tempo: A inizio ripresa l’allenatore Di Fabio che sostituisce lo squalificato Pagliari, opera subito un doppio cambio per sovvertire l’inerzia della gara, escono Improta e Amenta, entrano Turchi e Masini. Proprio quest’ultimo al 12’ s.t. si trova lanciato verso la porta di Fumagalli, ha l’occasione per riaprire il match ma sciupa tutto con un tiro da dimenticare. Cinque minuti più tardi si fanno vedere gli ospiti, pericolosi in contropiede con  Romano che va via sulla destra cambia lato per Poziello  che salta l’uomo ma il suo tiro si spegne sull’esterno della rete. Al 19’ s.t. si rivede la Virtus, sponda di Masini a limite dell’area per l’accorente Colussi che prova un sinistro al volo che termina alto sopra la traversa della porta di Fumagalli. Sei minuti più tardi ancora Virtus, sugli sviluppi di un calcio di punizione Oshadogan libero in area di rigore tenta un improbabile stop invece di provare la conclusione e l’occasione svanisce. La partita scorre tra l’incapacità dei padroni di casa di incidere e gli ospiti che difendono il doppio vantaggio, al 40’ s.t. splendida azione di Colussi che semina due difensori entra in area di rigore,  a tu per tu con Fumagalli tira, facile parata per l’estremo difensore ospite. Tre minuti più tardi il Sig. Borracci concede un penalty per la Virtus per un presunto fallo in area, che a dir la verità in pochissimi hanno visto, ma tant’è si porta sul dischetto Masini, che trasforma spiazzando Fumagalli 2-1.  La Virtus pare essersi sveglia dopo il rigore e vuole il pari, al 45’s.t. Di Cecco allarga a limite dell’area per Sansone che scaglia un destro che finisce di poco alto sopra la traversa.  Il Sig. Borracci concede 5’ minuti di recupero, la Virtus prova gli ultimi assalti, minuto 48 del secondo tempo, cross di Sansone per Oshadogan che colpisce di testa tutto solo dal dischetto dell’area di rigore, palla che si spegne alta sopra la traversa. Questa è l’ultima emozione con cui si chiude la gara, il Real Marcianise sbanca il Guido Biondi e raggiunge quota 30, fa un passo decisivo per la salvezza, per la Virtus è notte fonda, dai sogni play-off si passa agli incubi play-out.

Commento finale: La Virtus raccoglie la seconda sconfitta consecutiva, la sesta sconfitta casalinga della stagione, e perde le residue speranze di play-off. La squadra di Mister Di Fabio è apparsa spenta, senza motivazioni incapace di offendere e soprattutto con gravi problemi psicologici. Ora la classifica parla di salvezza da conquistare, e soprattutto occorre ritrovare una squadra in grado di far punti, problemi non da poco se a questi aggiungi che la tifoseria contesta pesantemente la squadra ed il clima in città si fa veramente molto caldo. Per il Real Marcianise, invece i tre punti odierni sono oro colato, danno ossigeno e morale per un impresa chiamata salvezza, che è possibile e verso la quale oggi la squadra di Mister Montefusco ha compiuto un passo importante, ottenendo una vittoria esterna che mancava dal 29 novembre 2009, vittoria che allunga la striscia di risultati utili consecutivi a tre, che ritrova entusiasmo dopo i due pari casalinghi e spera che questa vittoria sia di buon auspicio per il prossimo match che vedrà la squadra giallo-verde opposta alla corazzata Verona.

VIRTUS LANCIANO (4-3-3): Aridità; Colombaretti, Oshadogan, Antonioli, Mammarella; Sacilotto ( 19’ s.t. Aquilanti), Di Cecco, Amenta (1’ s.t. Masini), Improta (1’ s.t. Turchi), Colussi, Sansone. A disp.: Bellucci, Coppini, Moi, Sinigaglia.  All.: Di Fabio

REAL MARCIANISE (4-4-2): Fumagalli; Ciano, Porpora, Filosa §(8’ s.t. D’Apice), Tomi; Manco, D’Ambrosio, Alfano; Romano; Galizia ( 36’ s.t. Tedesco), Poziello (C)(28’ s.t. Della Ventura). A disp.: Mezzacapo, Alvino, Montanari, Di Napoli.  All. Montefusco

MARCATORI: 24’ p.t. Romano (Mar); 26’ p.t. Manco (Mar); 43’ s.t. Masini (Vir)

ARBITRO: Borracci di San Benedetto del Tronto

NOTE:, terreno in discrete condizioni. Spettatori: 699 . Ammoniti: 6’ p.t. Di Cecco, 28’ p.t.  Amenta,

46’ s.t. Tedesco. Angoli: 16 Virtus Lanciano, 0 Real Marcianise. Falli subiti: 8 Virtus Lanciano,

14 Real Marcianise. Recupero:  1’ pt ;5 ’ st. 

Antonio Di Nunzio – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film