Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Carabinieri in tenuta antisommossa Il Pisa guida con largo vantaggio la classifica del girone D della serie D. Si prepara a festeggiare il suo ritorno nel calcio professionistico, seppure in Lega Pro, dopo la retrocessione dalla serie B e il conseguente fallimento che hanno tristemente contrassegnato la scorsa stagione per i tifosi nerazzurri.

Ieri si è giocata la partita Pisa-Chioggia, terminata con il risultato di 0-0 e vietata ai tifosi ospiti. Nonostante ciò la gara è cominciata con circa 30’ di ritardo per i controlli attuati dagli organi di polizia all’esterno dell’Arena Anconetani. La protesta del tifo organizzato del club toscano non si è fatta attendere.

La Curva Nord “Maurizio Alberti” ha emesso un duro comunicato ufficiale. Lo riportiamo integralmente in quanto paradigma della deriva in cui si sta cacciando il calcio italiano in tema di gestione dell’ordine pubblico dalla serie A alla serie D passando per la B e la Prima e Seconda Divisione di Lega Pro.

“Migliaia di firme raccolte, proteste, iniziative, incontri con Società AC Pisa 1909 e Sindaco: tutto questo per fare entrare bandiere e tamburi allo stadio alla luce del sole e tornare a un’Arena alla vecchia maniera…La risposta degli organi preposti all'”ordine pubblico” oggi è stata sotto gli occhi di tutta la città: stadio blindato, camionette di celerini in tenuta antisommossa a presidio dell’Arena, elicotteri, perquisizioni a tappeto a chiunque, vecchi e giovani. Un esercito per impedire alla tifoseria pisana di entrare nel suo stadio liberamente con bandiere e tamburi. Da questo ennesimo divieto e sopruso è scaturita la nostra decisione di rimanere fuori dallo stadio con i nostri colori, bandiere e tamburi. Abbiamo assistito a scene gravissime, assurde e inverosimili: addirittura alla gente che voleva uscire dalla Nord per unirsi alla nostra protesta gli è stato impedito con la forza ed è stata costretta a rimanere rinchiusa nella Curva. Tutto ciò secondo noi sarebbe anche punibile legalmente, essendo, di fatto, sequestro di persona. E’ allucinante essere arrivati al punto di non essere più liberi di uscire da uno stadio quando ci pare. Anche la partita è iniziata con trenta minuti di ritardo a causa di tutto ciò. Pisa-Chioggia doveva essere una festa, la partita dove la Curva Nord Maurizio Alberti si sarebbe ripresentata con i suoi vessilli e colorata alla vecchia maniera, ma ancora una volta la risposta è stata solo repressione. Pensiamo anche a quanto è costato allo Stato italiano (e quindi a noi che paghiamo le tasse) questa ridicola “caccia al tamburo”. Reparti celere antisommossa, camionette, elicotteri non sono certo venuti gratis, e tutto questo per una partita di serie d dove neanche erano presenti i tifosi ospiti, per un altro assurdo divieto. Siamo alla follia. Quello che è accaduto non ci piegherà, ma anzi ci dà ancora più forza per continuare a lottare contro questo decreto e contro la tolleranza zero all’Arena Garibaldi (Curva Nord Maurizio Alberti)“. 

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film