Connect with us

Pubblicato

il

Pescara_Bonanni Con una grande prestazione i biancoazzurri travolgono il Cosenza e si avvicinano minacciosamente alla capolista Hellas Verona. Nel prossimo turno in programma il big match al Bentegodi.

Nell’uovo di Pasqua il Pescara trova tre punti preziosi che lo proiettano ormai a sole due lunghezze dalla capolista Hellas Verona, sconfitta sul difficile campo di Marcianise. Si sblocca Sansovini. Alla sua rete si aggiungono un gran gol di Bonanni (nella foto) e il rigore centrato da Ganci. Tre reti che hanno permesso al Pescara di piegare un Cosenza combattivo, ma che nulla ha potuto di fronte alla corazzata abruzzeseè .

Schieramenti. Il Pescara privo dello squalificato Zanon e degli infortunati Verratti e Olivi. Di Francesco è costretto a modificare la formazione con gli innesti di Medda a terzino destro e di Sembroni al posto di Olivi; confermato invece il modulo tattico, vale a dire il 4-4-2. Contro i calabresi ci sono Pinna tra i pali, difesa a quattro con Medda e Petterini terzini e la linea centrale affidata alla coppia Sembroni-Mengoni. La linea mediana è composta da  Coletti e Tognozzi , mentre gli esterni sono Bonanni e Dettori. In attacco il duo Ganci-Sansovini. Il Cosenza scende all’Adriatico con tante defezioni: Porchia, La Canna, Fanucci, Fiore, Ungaro, Maggiolini e Petrocco. Mister Toscano si affida al modulo 3-4-3 con la difesa inedita affidata a Musca, Chianello e Scognamiglio; il centrocampo vede Di Bari e Roselli mediani. mentre De Rose e Virga sono gli esterni. In attacco il  trio Bernardi, Biancolino e Danti.

Cronaca. Partita di studio per entrambe le formazioni nei primi 10’ minuti di gioco; al 13′ subito una buona occasione sui piedi di Sansovini in contropiede, ma l’attaccante biancazzurro non riesce a superare l’avversario nell’uno contro uno in piena area e l’azione sfuma. Al 17′ di nuovo protagonista il Pescara: ghiotta occasione sui piedi di Sansovini lanciato a rete da un bel pallone di Tognozzi: l’attaccante però non inquadra la porta stretto tra Musca e Scognamiglio alle spalle e il portiere Gabrieli. 19′ Medda da fuori area impegna severamente Gabrieli che respinge la sfera di piede Al 25′ pericoloso il Cosenza: errore grossolano di Danti arrivato solo davanti a Pinna dopo aver superato con un rimpallo i due centrali biancazzurri, Sembroni e Mengoni: l’attaccante rossoblù sbaglia da posizione incredibile mandando la sfera alle stelle. 29′ Illusione del gol per il Pescara su un pericoloso calcio d’angolo battuto sul primo palo da Bonanni: l’intervento scomposto di Chianello, però, vale solo un nuovo corner. Poi nulla di fatto. Nella ripresa subito pericoloso il Pescara al 7’st con Bonanni sulla fascia destra ubriaca Chianello con una finta e spara a rete ma la palla prende un effetto a uscire e la sfera esce dallo specchio della porta.  Al 11’st brivido in casa biancoazzurra Scognamiglio non trova la porta su colpo di testa servito da una pericolosa punizione battuta sul lato corto dell’area di rigore biancazzurra. 15’st la prima  Sostituzione nel Pescara: esce Tognozzi, entra Soddimo. Bonanni passa sulla fascia sinistra, Dettori al centro. Due minuti più tardi è i calabresi precisamente al 17’st a rendersi pericolosa con una bella triangolazione del Cosenza in area biancazzurra: la palla arriva a Bernardi che tira da ottima posizione ma la sfera è alta.

21’st Traversa del Pescara con una punizione di Bonanni appena deviata dal portiere ospite. Palla in angolo, ma dal corner nulla di fatto. Al 22’st l’episodio che decide la partita l’arbitro Zanichelli assegna un  rigore per il Pescara per fallo di Chianello su Sansovini. Chianello viene espulso per somma di ammonizioni. Si incarica del tiro dal dischetto Ganci che realizza. 28’st ancora protagonista il Pescara: ennesima grande occasione per Sansovini servito dalla destra con un passaggio di Soddimo: stop dell’attaccante romano e tiro, ma la palla è deviata in corner da un avversario frapposto tra sé e la porta del Cosenza. Dalla bandierina nulla di fatto. Un minuto dopo al 29’st Pescara vicinissimo al raddoppio con un colpo di testa violentissimo di Sembroni su assist di Bonanni da calcio d’angolo: prodezza del portiere Gabrieli che devia la sfera. Esattamente al 33’ e 34’ il Pescara rifila al Cosenza un uno – due micidiale prima con Sansovini che realizza il raddoppio su cross di Bonanni per Sansovini che in spaccata realizza. E poi, protagonista con Bonanni con una gran staffilata dalla sinistra, nulla può il portiere calabrese. Al 35’st il Pescara effettua una doppia sostituzione: dentro Zizzari e Gessa, fuori Sansovini e Bonanni. Cinque minuti più tardi al 40’st è il Cosenza ad effettuare la seconda sostituzione : dentro De Pascalis, fuori Roselli. Al 42’st il Cosenza accorcia con Biancolino in mischia successiva a un corner.

Grande prova della squadra pescarese in attesa del big-match di domenica prossima del Bentegodi di Verona, contro un Hellas in crisi profonda che se la dovrà vedere con un Pescara in netta crescita. Sarà un incontro sicuramente da non perdere.

 

PESCARA (4-4-2): Pinna, Medda, Petterini, Coletti, Mengoni, Sembroni, Bonanni (dal 36’st Gessa) Tognozzi (dal 15’st Soddimo), Sansovini (dal 36’st Zizzari) Ganci, Dettori.  A disp: Bartoletti, Vitale, Capuano, Carboni. All. Di Francesco

COSENZA ( 3-4-3): Gabrieli, Musca, Chianello, Di Bari, De Rose, Scognamiglio, Bernardi, Roselli (dal 40st’ De Pascalis), Biancolino, Virga (dal 31’st Virga), Danti (dal 42’st Scotto). A disp: Ameltonis, Amico, Marsili, Giardina, Olivieri. All. Toscano.

Arbitro: Zanichelli di Genova

Assistenti: Romei-Pedrini

Reti: 24’st rig. Ganci, 33’st Sansovini, 35’st Bonanni, 42’st Biancolino

Ammoniti: Tognozzi (P), Chianello, Virga e Bernardi (C)

Espulsi: Chianello al 24’ st

Angoli: 7  Pescara, 2 Cosenza 

Rita Consorte www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali6 ore fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali3 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato1 mese fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi