Connect with us

Pubblicato

il

CAPUANO_a_fine_garaMister Capuano (nella foto, a fine gara) lo aveva detto all’indomani della riammissione del Potenza al campionato che la sua squadra non avrebbe fatto regali a nessuno, e così è stato. Dopo il pareggio di Foggia, i rosso blu hanno battuto ala Viviani una Cavese, irriconoscibile soprattutto, ma anche forse giunta nel capoluogo lucano credendo di trovare una squadra allo sbaraglio. I rosso blu invece hanno dimostrato di essere dei professionisti veri giocando la gara come se nulla fosse accaduto prima di oggi. La vittoria alla fine, è più che meritata e al triplice fischio finale, con il pubblico in delirio, sembrava quasi aver vinto una finale. Ma le restanti gare così le ha definite il tecnico potentino, osannato dai tifosi e portato in trionfo dai suoi giocatori. Una bella risposta a chi pensa altro di questa squadra che paga dazio non per colpe proprie.

Capuano vara un 3-4-1-2 con Catania alle spalle di Prisco e Magliocco, mentre sembra essere indecifrabile lo schieramento dei cavesi. Si parte con 3-5-2, per passare al 3-4-3 e per finire con un 3-3-4. Questo ha sicuramente influito sulla performance degli ospiti, andati letteralmente in confusione. Per Stringara si complicano i piani, la zona play off non è tanto lontana, ma con questa sconfitta la sua squadra deve guardarsi bene alle spalle perché il vantaggio sulla zona pericolosa si è ridotto a due sole lunghezze. Prima della partita, lo speaker ha letto un comunicato dei tifosi della curva Ovest che, in sintesi, chiedono l’immediata cessione della società a chi è interessato a ricostruire il calcio e l’immagine di Potenza, sottolineando che la fede per il Potenza non retrocede mai. Ma veniamo alla gara. Alla prima vera occasione il Potenza passa con un’azione, tutta di prima, da manuale del calcio. L’azione parte dai piedi di Frezza che la offre a Prisco, scambio con Catania che di fino serve l’accorrente Magliocco, botta dal limite e palla nel sacco. La reazione della Cavese è sterile e dopo un timido tentativo di Turienzo al 7’ (colpo di testa fuori misura) ci prova Radi su punizione (20’), ma Della Corte è attento. Langella qualche minuto dopo chiude bene sul solito Turienzo che al 29’ spreca una ghiotta occasione per pareggiare i conti, il suo tiro, oltre ad essere centrale, è debole. La Cavese ci riprova un minuto dopo, punizione di Scartozzi per Turienzo che trova l’estremo potentino reattivo. Il Potenza non subisce l’iniziativa e prova con delle rapide ripartenze a pungere, su una di queste Magliocco è fermato da Cipriani. Al 37’ è fuori la conclusione di Prisco e poi allo scadere applausi a scena aperta per Frezza, protagonista di una bella discesa sulla fascia. Fino al riposo il Potenza non fatica più di tanto a controllare la gara. Non cambia il copione nella ripresa, la Cavese non riesce ad impensierire più di tanto il Potenza. Al 12’ percussione sulla fascia di Frezza, ma il cross è leggermente lungo. Un minuto dopo “energico” intervento di Taccola su De Maio. Lo stesso giovane attaccante ci prova qualche minuto dopo, ma Taccola è insuperabile. AL 18’ Prisco è in ritardo sul bel cross di Catania e da questo momento in avanti la squadra di Capuano sembra essere più propositiva, inguardabile invece la difesa ospite. Difatti Russo, con un rinvio errato, è fortunato perché Prisco non ne approfitta. La Cavese comincia a conquistare metri, ma il Potenza non subisce più di tanto, a parte un fallaccio di Nocerino a danno di Catania. Nella parte finale della gara, dopo un bellissimo recupero di Profeta su Favasuli, è il Potenza a tenere palla ed a tenere in apprensione la retroguardia campana. Al 37’ il Potenza rischia il raddoppio, ma Evangelista, da ottima posizione, non concretizza la bella palla offerta da Catania. Al 45’ l’arbitro, molto incerto, concede incredibilmente sette minuti di recupero, ma è il Potenza a sforare il raddoppio con Giannusa, la sua conclusione si stampa sul palo. Al triplice fischio finale, come detto, ovazione per i leoni rosso blu.

POTENZA: Della Corte, Chiavaro, Langella, Berardi, Taccola, Evangelisti, Frezza, De Simone (40’ st Giannusa), Prisco (27’ st Profeta), Catania, Magliocco (23’ st Aquino). A disp.: Di Matteo, Barbato, Mazzetto, Nappello. All.: Capuano

CAVESE: Russo, Lagnena (1’ st De Maio), Nocerino, Radi, Cipriani, Favasuli, Scartozzi, Berretti (31’ pt Santarelli), Turienzo, Schetter, Bacchiocchi (15’ st Insigne). A disp.: Pane, D’Orsi, Spinelli, Siano. All.: Vincioni (Stringara in tribuna squalificato)

Arbitro: Gambini di Roma 1 (Tiburzi e Belmonte)

Reti: 5’ pt Magliocco

Note: spettatori un migliaio. Ammoniti Berardi, Catania ed Evangelisti per il Potenza, Santarelli e Nocerino per la Cavese. Corner 3 a 0 per il Potenza. Recupero 3’+7’ 

Antonio Croglia – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film