Connect with us

Pubblicato

il

Calciopress_Archivio______02Umberto Gandini, direttore organizzativo del Milan, è anche vicepresidente dell’Eca (European Club Association) impegnata con la Uefa a regolamentare la progressiva introduzione del fair play finanziario – che dovrebbe andare a regime in un triennio e i vari passaggi saranno definiti il prossimo 28 maggio dal Comitato Esecutivo – fortemente voluto dal presidente Michel Platini. Gandini si è detto preoccupato per i “grandi” club, quelli che secondo la sua definizione sono la “locomotiva del calcio italiano”.

Il fair play finanziario potrebbe infatti determinare seri problemi di investimenti e di bilancio ai club di vertice del nostro campionato, in quanto si darà la massima importanza ai ricavi da stadio. Si tratta di un settore nel quale il calcio italiano è assai indietro rispetto al resto d’Europa, anche per l’obsolescenza degli stadi e la mancata approvazione della legge Crimi che dovrebbe far partire la costruzione di nuovi impianti

Tra i top club italiani serpeggia anche grande preoccupazione per la legge Melandri che prevede la trattazione collettiva dei diritti tv. Si prevede battaglia sulla definizione del bacino di utenza, in base al quale sarà suddiviso circa un terzo del ricavato. Il dubbio è che, alla resa dei conti, a guadagnare dalla novità in materia di diritti televisivi saranno soprattutto le società medio-piccole.

Una caduta degli investimenti, conseguente alla perniciosa congiunzione di questi due elementi, potrebbe comportare un ulteriore impoverimento tecnico del calcio nostrano e una sempre minore competitività in ambito europeo.

Senza contare che stiamo per perdere, a vantaggio della Germania e della Bundesliga, il quarto posto in Champions League. Con tutte le conseguenze negative a cascata che questo evento si porterà dietro. 

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi