Connect with us

Pubblicato

il

Lecce_DecanioPassa dalla Maremma la corsa alla promozione del Lecce. I giallorossi di mister De Canio, dopo aver sprecato le ultime occasioni per allungare in maniera definitiva sulle inseguitrici, si trova ad affrontare questa delicata sfida con i biancorossi, consapevoli del fatto che una vittoria potrebbe voler dire acquisizione quasi certa della massima serie. Dopo la trasferta di Grosseto, il Lecce affronterà Ascoli e Vicenza in trasferta e Albinoleffe, Cesena e Sassuolo in casa. Tre gare su cinque i giallorossi le giocheranno tra le mura amiche, fatto da non sottovalutare, visto che nella terz’ultima giornata affronterà il Cesena, al momento secondo in classifica.

Un calendario favorevole, in questo ultimo stralcio di stagione per i giallorossi, fermo restando che le gare si portino in porto sino alla fine, e non come accaduto ultimamente, dove i pugliesi hanno saputo lapidare quanto di buono avevano fatto. A Grosseto non sarà una gara semplice, ne è consapevole De Canio e la squadra, che troveranno allo “Zecchini” un Grosseto  volenteroso e deciso a non allontanarsi dalla zona play off.

I maremmani dovranno fare a meno del suo bomber principe, Pinilla, operato al menisco e il cui rientro è previsto per le ultime gare di campionato. Mister Sarri crede nella possibilità di poter fermare la capolista, ma per farlo il Grosseto dovrà essere perfetto. Il tecnico punta sulle qualità della propria squadra, pur riconoscendo al Lecce grandi meriti in questo campionato.

Una gara quindi che per i pugliesi si presenta di difficile interpretazione, visti anche i numeri del Grosseto dall’arrivo in panchina del tecnico Sarri. Il Lecce però è abituato a queste grandi sfide, e se i pugliesi vorranno proseguire nella corsa verso la A, dovranno superare l’ostacolo Grosseto, uno degli ultimi decisivi in vista del traguardo finale.

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film