Connect with us

Pubblicato

il

lanciano_SansonePareggio doveva essere e pareggio è stato, una Virtus già salva e come al solito incompiuta in casa, spartisce con la Cavese il punticino che gli permette di raggiungere la salvezza che solo a metà campionato sembrava utopia. Un match dalle impalpabili emozioni, l’univo vero episodio è l’infortunio dell’assistente che ha bloccato il match per il venti minuti, fino a che il team manager della Virtus Lanciano Guerino Diomede e il presidente della Cavese Antonio Fariello sono divenuti assistenti di linea del Sig. Aureliano. Il match inizia con un minuto di raccoglimento per la scomparsa di un congiunto del vice presidente della Cavese Gisouè De Sio.

La prima emozione arriva al sesto minuto, con una punizione dal limite battuta da Sansone e che termina di poco alta sopra la traversa. Un minuto più tardi ancora Virtus,Turchi fornisce uno splendido pallone per Sansone che fugge via sul lato sinistro da cui tenta un tiro nl diagonale che finisce di poco a lato della porta di Russo. Al 20’ p.t. la Virtus è pericolosa con una spizzata di testa in area di Colussi, su cui arriva Turchi che tenta il colpo di testa che termina alto sopra la traversa. Un minuto più tardi, l’episodio per certi versi curioso e inconsueto, l’assistente Raffaelli di Lucca s’infortuna e non riesce a continuare il match, viene accompagnato dagli staff medici di entrambe le squadre lo accompagnano fuori, mentre lo speaker invita nel caso vi fosse un tesserato arbitrale in grado di ricoprire il posto dell’assistente si rechi negli spogliatoi. Dopo circa 10’-15’ l’arbitro opta per la soluzione di far abbandonare il campo all’altro assistente il Sig. Liberti e di sostituire entrambi i suoi collaboratori con due rappresentanti delle società, per la Virtus il team manager Guerino Diomede, per la Cavese il presidente Antonio Fariello.

Risolto l’enigma legata all’infortunio del Sig. Raffaelli, si torna a giocare e subito i padroni in attacco con Colussi che a tu per tu con Russo, prova un collo destro su cui si oppone l’estremo difensore biancoazzurro. Dobbiamo arriva al 43’ p.t. per trovare il primo tiro in porta degli ospiti, l’autore è Turienzo che prova una flebile conclusione dai 20 metri. Il Sig. Aureliano non concede recupero e manda le squadre negli spogliatoi sul risultato di 0-0. Nella ripresa la partita se è possibile offre ancor meno spunti della prima frazione, ci prova la Virtus che vuole chiudere bene la stagione di fronte al proprio pubblico, sugli sviluppi di un cross di Mammarella dall’out sinistro, si trova tutto solo al centro dell’area Turchi che non riesce con il colpo di testa da due passi ad inquadrare la porta di Russo.

Al 16’ s.t. ancora protagonista la terna arbitrale col Sig. Aureliano che manda sotto la doccia in anticipo l’attaccante rossonero Colussi, reo di aver detto qualche parola di troppo all’arbitro. La Virtus non molla e ci prova al 21’s.t. con Masini che dopo un azione personale insistita, scaglia un destro dal limite dell’area che finisce a lato della porta ospite. L’ultima emozione del match arriva al 34’ s.t. è sempre di marchio rossonero,  sugli sviluppi di un corner battuto da Mammarella, Zeytulaev è libero in area dove prova il colpo di testa che termina alto sopra la traversa tra il clamore del pubblico di casa. Match che finisce dopo 4 minuti di recupero, per la festa degli ospiti per la salvezza e l’indifferenza del pubblico di casa verso la Virtus.

VIRTUS LANCIANO (4-4-2): Aridità; Vastola, Moi,  Antonioli, Mammarella; Turchi (39’s.t Marfisi) , Di Cecco (C), Aquilanti (32’ s.t. Perfetti), Sansone ; Colussi, Masini (25’s.t. Zeytulaev).  A disp.: Bellucci, Coppini, Tano, Di Michele. All.: Pagliari

CAVESE(3-5-2): Russo; D’Orsi (35’p.t. Rapino), Cipriani, Nocerino; Bacchiocchi, Scartozzi, Spinelli, Favasulli, Radi; Schetter (37’ s.t. Maiorano), Turienzo (47’ s.t. Insigne).  A disp.: Pane, Lagnena, Santarelli, Bernardo, Cruz. All.: Stringara

ARBITRO:  Aureliano di Bologna
NOTE:, terreno in discrete condizioni. Spettatori: 600 circa . Ammoniti:7’ Spinelli (C),23’ p.t. Turchi (V), 31’ p.t.  Colussi (V), 34’ p.t. Bacchiocchi (C)Espulsioni: 16’ s.t. Colussi (V) Angoli: 2  Virtus Lanciano, 2 Cavese.  Falli subiti:19  Virtus Lanciano, 12 Cavese. Recupero:  4’ st.

Antonio Di Nunzio – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film