Connect with us

Pubblicato

il

Taranto-Cosenza_22La classica gara di fine stagione segnata da tanta noia e poca voglia di giocare. Difficile individuare contenuti tecnici apprezzabili con i 22 atleti praticamente in vacanza. A credere di più nella vittoria è sicuramente il Cosenza, che soprattutto nel primo tempo impensierisce in più di una circostanza il portiere jonico Barasso.

Paradossalmente, però, sono gli ospiti a aggiudicarsi l’intera posta in palio grazie alla rete realizzata al 32′ da Crovetto della ripresa. Lecito parlare di un fulmine a ciel sereno in una partita incanalata sul risultato di parità. Schieramenti. Il tecnico Glerean modula il Cosenza sul 3-5-2. Numerose le assente (causa infortuni) tra i calabresi, tanto da indurre il trainer cosentino a rivoluzionare l’undici iniziale mutuando alcuni giovani dalla Berretti. Stesso discorso in casa tarantina, dove mister Passiatore regala una chance a centrocampo al giovane Mauro Gori (figlio dell’ex-rossoblu Graziano), oltre ad alcuni giocatori che, per varie vicissitudini, hanno giocato poco nel corso della  stagione come il portiere Barasso, il centrocampista Taulo, l’ala Triarico e l’attaccante  Innocenti. Lo schieramento tattico, invece, è sempre il canonico 4-4-2.

Cronaca. Il Taranto si affaccia subito in area avversaria (al 3′): Gori sventaglia  dalla destra per Cuneaz, il quale, appostato sulla linea di fondo, conclude a rete di destro trovando la respinta del portiere Gabrieli. Pronta la reazione del cosentini un minuto dopo: la sventola di De Pascalis dalla distanza sfiora il montante.  Lo stesso attaccante ci riprova di sinistro al 15′. Anche in questa circostanza la sfera sfila al lato. Al 19′ il solito De Pascalis serve in corridoio La Canna, che calcia prontamente verso la porta di Barasso, ma la sfera fa la barba al palo. L’estremo tarantino, invece, deve superarsi al 23′ respingendo prima il diagonale di De Pascalis e successivamente, sullo sviluppo dell’azione, quello a botta sicura di Virga. Buona trama degli ospiti al 45′: Triarico innesca Russo sull’out mancino, il giovane attaccante impegna di sinistro Grabrieli che si rifugia in corner.

E’ l’ultima azione rilevante della prima frazione di gioco che termina dopo un minuto di recupero.  In apertura di ripresa (al 3′) si registra il primo cambio: nella fila calabresi esce Danti ed entra Olivieri. Intanto mister Passiatore inverte gli esterni offensivi con Cuneaz che passa a sinistra e Triarico a destra. Al 8′ i silani si affacciano dalle parti di Barasso: il violento destro di Bernardi sorvola la traversa. Due minuti più tardi, invece, il sinistro dal limite di De Pascalis risulta centrale e dunque facile preda per l’estremo tarantino. Gli ospiti tentano di ridestarsi dal torpore al 13′ grazie alla bordata  dai 25 metri di Taulo che sfiora l’incrocio. Prima sostituzione per i pugliesi al 18′: Crovetto avvicenda Triarico. Al 22′ il tecnico Glerean effettua il secondo cambio: Chianello prende il posto di Maggiolini. Al 23′ il finlandese Taulo ci riprova dalla distanza, stavolta la sua sventola termina di poco oltre la traversa. Quasi a sorpresa al 32′ il Taranto passa in vantaggio.

Sugli sviluppi di un angolo, Crovetto risolve in mischia con un preciso fendente mancino che si infila tra un nugolo di calciatori. Ultima sostituzione per i calabresi al 35′: Giardina prende il posto di Virga. Anche Mister Passiatore effettua gli ultimi cambi: al 38′ dentro Colombini al posto di Cuneaz (conseguente l’avanzamento di Bolzan sulla fascia mancina di centrocampo), mentre al 43′ Rajcic sostituisce Gori. Sostituzioni a parte, l’incontro non regala altre emozioni trascinandosi stancamente fino al termine. L’arbitro, dopo cinque minuti di recupero, decreta la fine del match, quasi una liberazione per gli spettatori presenti e i ventidue in campo.

COSENZA:  Gabrieli; Ungaro, Di Bari, Scognamiglio; Bernardi, Virga (35′ st Giardina), De Rose, La Canna, Maggiolini (22′ st Chianello); De Pascalis, Danti (3′ st Olivieri).  A disposizione: Ameltonis, Amico, Marsili, Sposato. All. Glerean

TARANTO: Barasso; Calori, Migliaccio, Prosperi, Bolzan; Cuneaz (38′ Colombini), Taulo, Gori (43′ st Rajcic), Triarico (18′ st Crovetto); Innocenti, Russo.  A disposizione: Bremec,  Cianfarino, Quadri, Pisani. All. Passiatore

Arbitro: Citro di Battipaglia (ass.ti Fazio di Messina – Mercante di Agrigento)
Marcatori: 32′ st Crovetto (T)
Ammoniti: nessuno
Angoli: 7-6 per il Cosenza
Spettatori: 500 (assenti i tifosi ospiti per disposizione del Casms)

Enrico Losito – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi