Connect with us

Pubblicato

il

Nazionale_italianaNella Palazzina Appiani dell’Arena di Milano il presidente della Figc Giancarlo Abete inaugura oggi, sabato 15 maggio, la mostra “100 anni di storia azzurra”. Potrà essere visitata gratuitamente fino a lunedì 17, prima di partire per un programma itinerante che la porterà nei prossimi mesi a contatto con i tifosi azzurri, nelle città e nelle regioni d’Italia.

Come rende noto il sito web della Figc, oggi la Nazionale comie un secolo di storia e la mostra vuole celebrare cento anni di imprese colorate d’azzurro: le 700 partite giocate (altro record toccato quest’anno, a marzo con il Camerun) e le vittorie di quattro Coppe del Mondo, un Campionato Europeo e una Olimpiade,.

“C’era una volta una squadra in maglia bianca che voleva rappresentare un paese ancora alla ricerca della sua completa unità”: potrebbe iniziare così il racconto della storia della Nazionale italiana che, sabato 15 maggio, compie ufficialmente 100 anni. Era infatti il 15 maggio 1910 e all’Arena Civica di Milano fece il suo esordio la prima Italia calcistica, allora in maglia bianca (l’azzurro sarebbe arrivato solo alla terza uscita ufficiale, in omaggio al colore di Casa Savoia), vincendo la sfida contro i “cugini” francesi, che poi avremmo ritrovato tante volte, fino all’epica notte di Berlino che ci ha regalato il nostro quarto titolo Mondiale.

Saranno davvero tanti i cimeli sportivi di questa storia azzurra di 100 anni che verranno esposti al pubblico, come informa sempre il sito web della Figc.

Dalla maglia più “antica”, quella vestita da Giovanni Ferrari nel primo Mondiale vinto dall’Italia (1934), a quella di capitan Fabio Cannavaro indossata in occasione della nostra più recente vittoria, la Coppa del Mondo alzata nel cielo di Berlino nel luglio 2006. E poi le maglie di Piola (1938), Parola (1950), De Sisti e Salvatore (1963), di Fogli e Picchi (1964), Boninsegna e Bertini (1970), Causio e Mazzola (1974), Manfredonia e Zoff (1978), Pruzzo (1980), Bordon e Rossi (1982), Antognoni (1983), Baggio (1994), Pagliuca e Maldini (1998), Totti (2004), Iaquinta, Gattuso, Nesta e Inzaghi (2006).  In questo lungo e commovente percorso a ritroso attraverso i cento anni della Nazionale, sarà possibile ammirare anche le copie della Coppa del Mondo e della Coppa Rimet, la riproduzione di un pallone del 1890, il pallone dei Mondiali 1970 e quelli dal 1982 al 1994 e poi modelli di scarpe da calcio dagli anni ’50 ad oggi, oltre a tanti altri ricordi e pubblicazioni legati alla storia della Nazionale italiana.

Cimeli di una gloriosa storia sportiva che permettono, inoltre, di tramandare alle generazioni dei tifosi di oggi, e soprattutto ai bambini, immagini del calcio di ieri, svolgendo così un fondamentale ruolo pedagogico. Attraverso la mostra sui 100 anni della Nazionale, infatti, sarà possibile riscoprire storie e uomini che, con le loro gesta, hanno scritto cento anni di una straordinaria storia sportiva. Maglie, palloni, scarpe che hanno accompagnato i 100 anni della Nazionale italiana sapranno tramandare un’autentica testimonianza storica che proietta, tutti i 56 milioni di tifosi azzurri, verso il futuro, verso il Mondiale 2010 che sta per aprirsi. Un Mondiale al quale l’Italia si presenta, nell’anno del proprio Centenario, da Campione in carica.  

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film