Connect with us

Pubblicato

il

inter_campioneInter Campione: Che la festa abbia inizio. A Siena, come era nelle previsioni, l’Inter batte i padroni di casa con il minimo scarto e si aggiudicano il diciottesimo scudetto, quinto consecutivo, ricorsi permettendo. Dopo la Coppa Italia, la squadra di Mourinho conquista il titolo di Campione d’Italia non senza sofferenze contro un Siena determinato a rendere difficile la vita ai nerazzurri. Una gara che l’Inter ha gestito dall’inizio alla fine con intelligenza tattica, rischiando in un paio di occasioni. Ci sarebbe anche spazio alle polemiche, per un rigore negato al Siena sul risultato di parità. Fatto sta che Milito, ancora lui, mette il sigillo finale su un campionato incerto fino alla fine, ma veramente mediocre sotto il profilo tecnico.

Blucerchiati da Champions: La vera festa di giornata si vive a Genova, dove la Sampdoria di Gigi Del Neri conquista i preliminari di Champions League. Un traguardo storico per i doriani, che trascinati dal duo Pazzini – Cassano, supportati da un organico operaio ma anche di qualità, hanno saputo tenere a distanza la rincorsa del Palermo. A Genova, sponda blucerchiata, è tempo di feste e di saluti. Molti autori di questa fenomenale cavalcata lasceranno il capoluogo ligure. Ma oggi si pensa solo a festeggiare un traguardo bello quanto meritato.

Roma delusa ma da applausi: E’ il giorno degli applausi anche per la Roma. In ventimila hanno accompagnato i propri colori in quel di Verona, per sostenere un sogno. Alla fine la squadra di Ranieri deve rimpiangere ben poco di un campionato vissuto sino alla fine da protagonista. Domani, ripensando a quel che è stato e che poteva essere, si faranno le somme, ma in questo momento c’è solo lo spazio all’amarezza di vedere sfumato alla fine un sogno a cui in molti si erano legati.

Aspettando Juve e Milan: Juve e Milan ripartiranno la prossima stagione con due nuovi tecnici e con progetti ambiziosi. Via Leonardo e Zaccheroni, le due società si getteranno in quella che, da parte bianconera, sembra assumere i contorni di una vera e propria rifondazione. Da parte rossonera invece si tratterà di rivedere qualcosa, per tornare ad essere competitivi.

Delusioni Lazio e Fiorentina: Due campionati di stampo diverso quello andato in scena in questa stagione e che ha riguardato la squadra di Reja e quella di Prandelli. I biancocelesti possono solamente gioire per la mancata vittoria in campionato dei cugini giallorossi, un brodino troppo amaro, o se vogliamo, un palliativo per non piangere sulle proprie disgrazie. Servirà un’inversione totale di rotta per la squadra del presidente Lotito, pena, ritrovarsi anche la nuova stagione, nella stessa situazione. La Fiorentina da par suo più che di ritocchi o proclami ha bisogno di chiarezza. Bisognerà, a breve, parlare chiaro e cercare di ricompattare quelle componenti, che ad oggi non sembrano essere così vicine.

Va quindi in archivio anche questo campionato. Un torneo, lo ribadiamo, dallo spessore tecnico assai mediocre, ma che nel finale ha saputo regalare quel giusto pathos  che ha regalato qualche sensazione in più. Da domani si penserà al futuro, con un valzer di panchine all’orizzonte. Tutti a guardare al domani, tranne che per l’Inter, che a breve dovrà dare un’altra prova di forza nella notte magica di Madrid.

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali6 ore fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali3 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato1 mese fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi