Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

TARANTO-ANDRIA01I suoi colleghi sono ormai beatamente in vacanza, mentre lui continua ad allenarsi in prospettiva della nuova stagione. Sembra quasi un paradosso, ma il “cobra” di Alfonsine, al secolo Riccardo Innocenti, vuole recuperare la forma migliore dopo la sfortunata stagione trascorsa in riva allo Jonio.

Innanzitutto come stai fisicamente?
“Mi sto allenando alla “mastina”, mi divido tra palestra, fisioterapia e corsa. A livello muscolare accusavo uno scompenso del 40%. Al momento del mio rientro nelbmese di gennaio avrei dovuto effettuare un programma specifico di recupero, ma purtroppo i tempi ristretti e la voglia di giocare non mi hanno dato la possibilità di eseguirlo”

A parte i problemi fisici che ti hanno perseguitato durante la stagione appena archiviata, cosa pensi ti sia mancato?
“Nulla, la gente e la società mi hanno sempre trattato benissimo. Il mio unico rammarico è quello di non avere mostrato il vero Innocenti. Sono stato  massimo al 70%-80% della condizione. E’ chiaro che in tale situazione fai fatica  a dimostrare il tuo valore. Sono mancato dai campi da gioco per tre mesi e mezzo ed è stato durissimo recuperare. Al mio rientro ho parlato con molta franchezza a mister Brucato, che avrebbe voluto recuperarmi gradualmente per poi inserirmi eventualmente in pianta stabile. Purtroppo l’esonero del tecnico ha scombussolato i piani, pazienza”.

Al Taranto, invece, cosa è mancato per raggiungere i play off?
“E’ mancata più di una cosa, sopratutto la continuità, alla luce di tecnici e calciatori che si sono succeduti, per questo la squadra non ha mai avuto un volto preciso. Proprio con Brucato avevamo trovato una certa continuità di risultati, magari le vittorie sono state poche rispetto ai pareggi; però alla resa dei conti con quattro pareggi in più avremmo raggiunto i play off. Non so quanto questo risultato sarebbe stato meritato, ma penso a squadre come il Rimini che hanno raggiunto gli spareggi con un organico inferiore al nostro. Questo ovviamente aumenta le recriminazioni”

Allo stato attuale ti senti già un ex o un elemento integrante del Taranto che verrà?
“Non ci ho ancora pensato. In questo momento è importante tornare ai miei livelli abituali. A Taranto mi sono trovato bene ed ho ancora un altro anno di contratto. Ovviamente valuterò la situazione con la società”

Hai avuto contatti con altri club in questo periodo?
“Assolutamente no. Non ho sentito nessuno. Ribadisco, al momento preferisco allenarmi per tornare in forma. Tra l’altro non sono seguito da procuratori, dunque tutti gli eventuali contatti li gestisco di persona”.

A proposito di procuratori, sei uno dei pochi calciatori che gestisce i suoi affari in proprio. Perchè questa scelta?
“In genere non gradisco mettere in mezzo terze persone, perchè si possono creare degli equivoci. Credo che un trentenne possa gestire a dovere le proprie cose senza intermediari. Il procuratore, invece, può essere utile ad un giovane, magari lanciato verso il palcoscenico della serie A, per gestirne l’immagine e il marketing. Tra l’altro, se un calciatore fa bene, non ha bisogno di “sostegni esterni”, sopratutto in Lega Pro”. 

Enrico Losito – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film