Connect with us

Pubblicato

il

PlatiniIl presidente della Uefa, Michel Platini, è intervenuto a Torino alle cerimonie per celebrare la ricorrenza dei 25 anni della tragedia dell’Heysel. Il suo cuore, in fondo, è ancora bianconero. Senza contare che lui, sventuratamente, fu uno dei protagonisti che giocarono quel giorno la partita Juventus-Liverpool.

La sua presenza non è passata inosservata, specie dopo che la Francia e la Turchia ci hanno letteralmente umiliati nella lotta per accaparrarsi Euro 2016.

Platini non si è fatto pregare. In una serie di interviste rilasciate ai quotidiani Stampa, Giornale e Repubblica ha parlato del calcio italiano senza peli sulla lingua e non ha mancato di affondare il dito nella piaga. Molti gli argomenti trattati. Ci limitiamo all’analisi, impietosa quanto realistica, di alcuni temi cruciali.

La Tessera del tifoso? Bocciatura secca, e questo è già un buon inizio. Il concetto è lapidario: “È un fatto italiano. Personalmente, non mi piace. L’Uefa non fa schedature. Il pubblico di Madrid, meraviglioso, era metà dell’Inter e metà del Bayern. Il calcio e il tifo che sogno”. Il ministro Maroni e i suoi sodali sono serviti.

La violenza nel calcio? Non si risolve certo con una Tessera: “La violenza è un fenomeno transnazionale. Tocca ai governi sgominarla, alle forze dell’ordine. L’importante è che i club non facciano i furbi. I nomi dei delinquenti sono noti a tutti. Basta cacciarli dagli stadi”.

Gli stadi italiani? Altra bocciatura, e su questo chi potrebbe dargli torto? «Nessun dubbio che i vostri siano vecchi. Molti aspettano un Mondiale o un Europeo per rifarli. Non è obbligatorio: ci si può muovere anche prima”.

Euro 2016? Forse sarebbe stato meglio non partecipare: “Magari, quando la Francia rifiutò la vostra proposta di fifty-fifty, e disse che avrebbe voluto correre da sola, sarebbe stato più opportuno ritirarsi”.

La prova che nel suo petto batte ancora un cuore bianconero? “Mi sono ricandidato anche perché, prima o poi, voglio consegnare una coppa alla Juventus. Temo però che dovrò allungarmi il mandato da quattro a otto anni”. 

So. Gian. – www.calciopress.net

Calcio, il futuro non è più quello di una volta

 

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi