Connect with us

Pubblicato

il

BresciaIl Brescia prenota un posto per la doppia finale dei play-off di serie B, superando con merito al “Tombolato” un Cittadella piuttosto spento ed opaco grazie ad una rete di Mareco a due minuti dal 90′. I granata partono all’arrembaggio nel primo tempo almeno per un buon quarto d’ora con le rondinelle sornione in difesa e pronte a colpire al momento giusto in attacco. Dopo undici minuti punizione a girare di Bellazzini, che sfiora la traversa di un soffio. Tre minuti più tardi risposta dei lombardi con una fuga di Possanzini sulla sinistra, ma il suo cross è deviato in corner alla meno peggio da Marchesan.

Al 15′ un’altra punizione (primo giallo a Budel per fallo intenzionale su Ardemagni) da posizione defilata sulla sinistra di Dalla Bona, ma la sua conclusione è fuori portata per tutti suoi compagni. La formazione di Iachini non brilla in campo, ma cresce alla distanza con un tiro di Budel (smorzato da Nocentini e parato da Pierobon) al 23′ e con una gran botta fuori misura di Caracciolo a colpo sicuro al 34′ su respinta corta di Marchesan. Da segnalare in mezzo l’ammozione ad un Caracciolo nervoso per una brutta entrata su Cherubin, che forse meritava il rosso diretto da un Rocchi non impeccabile. Al 44′ altro gol sbagliato dai bresciani con un colpo di testa di Possanzini alto sulla traversa da ottima posizione su punizione di Dalla Mano dalla sinistra.

Cittadella_BresciaNella ripresa il Cittadella spinge subito sull’acceleratore, ma non trova spazi utili con un Brescia, che si difende sempre con ordine, anche se ricorrendo quasi sempre al fallo tattico sistematico (ben cinque gialli per i lombardi). All’ottavo ci prova Iunco con una fuga sulla sinistra, ma si allunga il pallone sul fondo, sfumando così un’azione pericolosa. Ma le rondinelle si fanno vedere in campo con una leggera supremazia territoriale, tenendo palla e costringendo i veneti sulla difensiva. Come al 13′ quando Possanzini tira alto sulla traversa dal limite dell’area e al 15′ con un tiro svirgolato di Rispoli da dimenticare. Al 18′ ancora lombardi in evidenza con il neo-entrato Kozak (al posto dell’evanescente Caracciolo), il cui tiro in area di rigore viene ribattuto in angolo dalla difesa cittadellese.

Per il Cittadella solo qualche contropiede come break alle azioni offensive degli ospiti, come Iunco (fermato scorrettamente da Rispoli, che si becca il giallo) al 19′. Due minuti dopo nuovamente brivido per i tifosi granata con il tiro-cross di Possanzini, su cui salva Cherubin. Al 27′ ritorna in campo Pesoli dopo un mese per l’infortunato Nocentini. Al 32′ ci prova Iunco dai 25 metri con Arcari fuori dai pali a trovare un gol importante in vista del ritorno, ma la sua mira non è precisa con il pallone fuori misura dallo specchio della porta bresciana. I padroni di casa cercano di stringere come possono e al 38′ Pettinari avrebbe l’occasione giusta di testa, ma non ci riesce ad arrivare sul cross di Iunco dalla sinistra. Quando si profila lo zero a zero, ecco spuntare dal cilindro l’incornata vincente di Mareco nell’area piccola al 43′ sulla punizione del neo-entrato Baiocco.

Finisce con il successo di misura delle rondinelle, che possono anche perdere uno a zero nel ritorno al “Rigamonti” (Domenica 6 Giugno alle 18.30), visto che ai granata servirà l’impresa, ovvero vincere con due gol di scarto in terra lombarda. Ma i tifosi del “Citta” sono già stati abituati a queste cose (vedi 3 a 1 a Cremona nelle promozione in serie B del Giugno 2008) e sognano ancora (canti e saluti a fine gara verso i giocatori come se avessero veramente vinto) nel “miracolo” sportivo della serie A.

CITTADELLA (4-4-2) – Pierobon 6; Manucci 6, Nocentini 6 (27′ s.t. Pesoli 5.5), Cherubin 5.5, Marchesan 6; Bellazzini 5.5 (18′ s.t. Pettinari 6), Magallanes 6, Dalla Bona 6, Carteri 6 (43′ s.t. Volpe s.v.); Iunco 6, Ardemagni 5. A disp.: Villanova, Pisani, Oliveira, Curiale. ALL. Foscarini 5.5

BRESCIA (3-5-2) – Arcari s.v.; Mareco 7, Bega 6.5, Martinez 6.5; Rispoli 6.5, Saumel 6, Budel 6, Vass 6.5 (35′ s.t. Baiocco s.v.), Dalla Mano 6 (41′ s.t. Zambelli s.v.); Caracciolo 5 (14′ s.t. Kozak 6), Possanzini 6.5. A disp.: Viotti, De Maio, Manzoni, Cordova. ALL. Iachini 6.5

Marcatore: 43′ s.t. Mareco (B).
Arbitro: Rocchi 6.5 di Firenze.
Assistenti: Niccolai 6.5 di Livorno e Papi 6.5 di Prato.
Quarto uomo: Valeri 6.5 di Roma 2.
Ammoniti: 14′ p.t. Budel (B) per gioco falloso; 25′ p.t. Caracciolo (B) per gioco scorretto; 37′ p.t. Nocentini (C) per gioco falloso; 41′ p.t. Mareco (B) per gioco falloso; 9′ s.t. Rispoli (B) per gioco falloso; 19′ s.t. Bega (B) per gioco falloso; 42′ s.t. Manucci (C) per gioco falloso.
Angoli: 4 a 0 (p.t. 1 a 0) per il Brescia.
NOTE: Serata fresca e ventilata con terreno in buone condizioni. Temperatura 15 gradi. Spettatori 6000 circa, di cui paganti 5899 paganti per un incasso totale di euro 74.453,50. Presenti anche un migliaio di tifosi bresciani.

Luigi Spatalino – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film