Connect with us

Pubblicato

il

m_lippi_040905A meno di ventiquattro ore dalla gara contro la Nuova Zelanda, la Nazionale Italiana è giunta a Nelspruit. La compagine azzurra non ha effettuato il consueto allenamento sul campo di gara, ma si è limitata a passeggiare sul manto di gioco. Un assaggio delle condizioni del terreno di gioco e molte fotografie, scattate dagli Azzurri con macchine fotografiche e cellulari, per portarsi in Italia un ricordo di questa avventura mondiale. Per tutti ha parlato Marcello Lippi, che in conferenza stampa ha risposto alle domande dei giornalisti.

Conosciamo le caratteristiche degli avversari, ma se vogliamo andare avanti dobbiamo vincere, e farlo con tutte le nostre forze”. Con queste parole il tecnico viareggino affronta la propria conferenza stampa. Non si sbilancia sulla formazione che affronterà la Nuova Zelanda, ma lascia intendere che è già tutto chiaro all’interno dello spogliatoio azzurro.

Non temiamo i Neozelandesi sul piano tecnico, ma hanno però altre ottime attitudini, specialmente sui calci piazzati, e sulla loro voglia di ben figurare contro i Campioni del Mondo in carica”. Questa in sintesi la considerazione degli avversari da parte di Lippi, che chiede ai suoi molta concentrazione per non cadere in spiacevoli inconvenienti.

Parla della crescita della Nazionale italiana, il tecnico azzurro, che sottolinea come la squadra sta lavorando in maniera straordinaria per impegno e concentrazione. Rileva come i miglioramenti siano sotto gli occhi di tutti, anche se il gruppo è ancora in fase di ulteriore miglioramento, soprattutto per quanto riguarda la velocità di azione e conclusione.

Salvo ripensamenti dell’ultimo istante, l’Italia dovrebbe scendere in campo con la stessa formazione che ha esordito al Mondiale con il Paraguay. L’unica incognita è rappresentata dalla presenza di Iaquinta o Di Natale, e dell’eventuale impiego di Camoranesi dal primo minuto, cosa comunque abbastanza difficile viste le condizioni non al top dell’italo-argentino.

Probabili formazioni:

ITALIA (4-4-2): Marchetti; Zambrotta, Cannavaro, Chiellini, Criscito; Pepe, Montolivo, De Rossi, Marchisio; Gilardino, Iaquinta.

NUOVA ZELANDA (3-4-3): Paston; Reid, Nelsen, Vicelich; Smith, Bertos, Elliot, Lochhead; Brown, Fallon, Killen.

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi