Connect with us

Pubblicato

il

Si terrà oggi venerdì 2 luglio, con inizio alle ore 11, la riunione del Consiglio federale.

La riunione è stata convocata dal presidente federale, Giancarlo Abete. Il massimo dirigente del calcio italiano è finito sul banco degli imputati dopo la pessima figura della Nazionale di Lippi in Sudafrica, conclusa con l’eliminazione al primo turno a seguito di due pareggi (con Paraguay e Nuova Zelanda) e della sconfitta alla terza gara contro la Slovacchia. Un evento che non si verificava dal 1974).

Si annuncia battaglia dopo alcune bellicose dichiarazioni rilasciate a vario titolo nei giorni scorsi. Il presidente della Lega Pro e vice-presidente federale, Mario Macalli, se le è in parte rimangiate nell’imminenza della riunione affidando all’Ansa una dichiarazione in cui precisa che:  “Il presidente Abete ha la fiducia di tutto il consiglio e nessuno chiederà le dimissioni”. E aggiunge: “Io sono il suo primo difensore e gli chiederò di riprendere in mano la Federcalcio. Se farà il presidente a 360 gradi, per me può restare finchè muore, altrimenti sarà lui stesso ad andarsene”.

Il suo collega della LND Tavecchio (anche lui vice-presidente federale), si è detto disposto a rimettere il suo mandato per azzerare i vertici Figc e alcuni presidenti della nuova Lega di serie A partita ufficialmente ieri si sono fatti sentire (il più battagliero è stato Zamparini, eletto alla carica di consigliere e dunque con molta voce in capitolo).

Questo l’ordine del giorno completo del Consiglio federale:

1. approvazione verbali riunioni del 25 maggio 2010 e dell’8 giugno 2010;
2. relazione del Presidente Federale sui Mondiali Sud Africa 2010;
3. tesseramento dei calciatori extracomunitari nei campionati professionistici;
4. ripescaggi Campionati Professionistici: modalità e termini per le domande;
5. visto di conformità al Regolamento A.I.A., alle Norme di funzionamento Organi Tecnici A.I.A., al Regolamento L.N.D. ex art. 49, lett. C) punto 3 N.O.I.F., al Regolamento L.N.D. graduatorie ripescaggi;
6. ratifica delibera d’urgenza del Presidente Federale di cui al C.U. n. 131/A del 16 giugno 2010;
7.varie ed eventuali. 

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi