Connect with us

Pubblicato

il

Aggiornamento 07/07/2010 (ore 24) – In attesa di un comunicato ufficiale che alle 24 del 07/07/010 non era ancora stato diffuso (a conferma della gravità dei problemi rilevati in corso di istruttoria delle domande di iscrizione da parte della Covisoc),  si apprende che la Commissione federale avrebbe sospeso in via cautelativa addirittura 40 società di Lega Pro sulle 82 esaminate, ovvero quasi la metà delle aventi diritto (leggi QUI per maggiori dettagli). Di queste 20 per “gravi inadempienze” e altre 20 per situazioni più facilmente sanabili.

********

E’ in fase di completamento l’istruttoria Covisoc sulle domande di iscrizione presentate il 30 giugno scorso per l’ammissione ai campionati professionistici.

I risultati ufficiali dell’analisi contabile saranno comunicati domani, mercoledì 7 luglio.

I club esclusi potranno presentare ricorso e inoltrare i documenti mancanti entro il termine perentorio del 10 luglio.

Otto società sono già fuori. Si tratta di club tutti di Lega Pro: Gallipoli, Mantova, Perugia e Rimini (Prima Divisione) + Itala San Marco, Monopoli, Pescina Valle del Giovenco e Scafatese.

In serie B ci sono problemi per l’Ancona legati alla sola fideiussione e per l’Ascoli anche alle liberatorie.

In Lega Pro il quadro è drammatico. A quanto si sa in prima istanza dovrebbero essere bocciati almeno 14 club. In alcuni casi, oltre ai conti in disordine, pesa la mancanza di un impianto a norma necessario per ottenere la Licenza Nazionale preliminare all’iscrizione.  

L’elenco delle società bocciate dalla Covisoc potrebbe essere incompleto, perché le notizie ufficiali sulle 82 società che hanno fatto domanda sono poche e frammentarie.

Si dovrebbe comunque trattare di: Arezzo, Cavese, Real Marcianise, Triestina e Salernitana (Prima Divisione) + Alghero, Cassino, Fondi, Gavorrano, Legnano, Manfredonia, Sangiovannese, Sangiustese e Villacidrese (Seconda Divisione).

La stagione dei ripescaggi che avrà inizio a bocce ferme, ovvero dopo l’elenco definitivo delle escluse sancito dal Consiglio federale a metà mese, sarà altrettanto travagliata.

Il costo di accesso alle riammissioni è particolarmente esoso e non sarà così semplice trovare rimpiazzi. Alcuni gironi di Prima e Seconda Divisione in Lega Pro potrebbero alla fine risultare monchi. 

So. Gian. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi