Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

La crisi morde anche in serie B e mette ulteriormente a nudo le gravi debolezze strutturali del calcio italiano. Un sistema che ha bisogno di correre quanto prima ai ripari, per imboccare la strada di una drastica riforma.

La Covisoc, in una riunione fiume che si è protratta fino a notte fonda e ha tenuto in ansia i tifosi, ha momentaneamente bocciato le domande di Ancona e Ascoli. Le due marchigiane avevano presentato una documentazione incompleta e, dunque, il provvedimento era atteso.

Stando alle notizie che giungono da Ascoli, i bianconeri dovrebbero cavarsela con una semplice penalizzazione (da uno a sei punti), la cui entità sarà decisa dalla Commissione Disciplinare Nazionale e scontata nel prossimo campionato.

Il presidente Benigni dovrebbe però aver già sanato la posizione debitoria nei confronti dei tesserati (grazie a un prestito della Banca delle Marche) e acquisito la somma di 800mila euro necessaria per il deposito della fideiussione (con il supporto della BCC Picena). Ciò è quanto riporta la tranquillizzante nota ufficiale comparsa martedì sul sito web del club piceno.

Si tratta a questo punto di presentare il ricorso entro le 13 di sabato 10 luglio, accompagnato da una tassa ulteriore di 15mila euro e dalla documentazione carente.

La decisione finale spetterà al Consiglio federale del 16 luglio una volta raccolto, il giorno prima, il parere vincolante della Covisoc. 

Sa.Mig. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film